it.mpmn-digital.com
Nuove ricette

24 ristoranti fast food che vorremmo fossero negli Stati Uniti (diapositiva)

24 ristoranti fast food che vorremmo fossero negli Stati Uniti (diapositiva)


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Da Wimpy burger a Telepizza, questi reperti di fast food richiedono un timbro sul passaporto

Burger Ranch (Israele)

Burger Ranch aperto per la prima volta a Tel Aviv nel 1976 e ora ha più di 100 ristoranti in Israele. Sebbene i suoi ristoranti non siano classificati come kosher, i singoli ingredienti per i suoi hamburger, bocconcini di pollo, patatine fritte e simili lo sono, e articoli come cheeseburger e frutti di mare ed extra come la pancetta non sono nel menu.

Chefette (Barbados)

Quale modo migliore per festeggiare il tuo tempo nel paradiso tropicale che con il fast food? Chefette, una catena con 14 sedi nelle Barbados più un avamposto nell'aeroporto internazionale Grantley Adams, è stata nominata combinando le parole "chef" (cucinare) e "fete" (festeggiare). La catena è famosa per la sua roti, fatto con verdure e carne al curry e avvolto in un involucro di farina di grano. Prova il roti di pollo e patate o il roti di manzo e patate. Il menu comprende anche pizza, pollo fritto, hamburger, sandwich di pollo, hamburger vegetariani e insalate.

Chez Ashton (Canada)

Con 700 dollari in tasca, Ashton Leblond ha aperto Chez Ashton, uno snack bar, in Québec nel 1969. Tre anni dopo, per differenziare il suo snack bar dai concorrenti, ha introdotto la poutine in Québec. Sebbene i 26 ristoranti vendano sandwich di roast beef, hamburger e hot dog, la poutine di Chez Ashton (una sostanziosa porzione di patatine fritte dorate condite con sugo marrone e cagliata di formaggio fresco) è ciò che ha reso famoso Chez Ashton.

Chicken Cottage (Regno Unito)

Dal pollo alla griglia, al pollo alla griglia, agli hamburger di pollo, Cottage di pollo conosce il suo pollo. Fondato nel 1994 a Wembley, nel nord di Londra, i clienti possono ora gustare il marchio di fast food halal in tutto il Regno Unito Prova il Mountain Burger (un filetto di pollo impanato racchiuso tra un hash brown, una fetta di formaggio e un tocco di maionese su un sesamo panino con semi) o il Lamb Quarter Pounder (una deviazione dal menu fortemente incentrato sul pollo che è condito con formaggio, una fetta di cetriolino, cipolle e lattuga su un panino con semi di sesamo).

Dicos (Cina)

La risposta della Cina a KFC è Dicos, una catena di fast food che serve secchi di pollo fritto, sandwich di pollo fritto e involtini. Le specialità attuali includono il sandwich al formaggio di pollo (fiocchi di pollo racchiusi tra due pezzi di pane tostato bianco), un hamburger di uova di torta di patate e un impacco di ananas con pollo affumicato. Innaffia questa prelibatezza dorata con il latte di soia caldo. I pasti dei bambini sono dotati di una selezione rotante di giocattoli (attualmente sono riforniti con figurine di plastica del gatto blu animato giapponese chiamato Doraemon).

Goody's (Grecia)

Il primo Goody's ha iniziato a lanciare hamburger a Salonicco, in Grecia, nel 1975. Oggi la gente può crearne uno proprio o scegliere tra stili come Funky Burgers (hamburger con prosciutto o formaggio), Classic Burgers (hamburger di manzo in stile occidentale) ed Extreme Burgers (hamburger più grandi con sapori come pepe nero, gorgonzola, peperoncino e pancetta). Provate le patate dipates con salsa di formaggio cheddar e pancetta. Per i bambini, il Junior Meal include una sorpresa giocattolo.

Henny Penny (Australia)

Henny Penny attualmente gestisce 13 sedi di sit-down e drive-thru nel Nuovo Galles del Sud, in Australia. Inaugurato nel 1968 quando Steggles Poultry si è espanso per servire fast food, non sorprende che Henny Penny sia famoso per il suo pollo fritto e il pollo al barbecue, che vengono serviti con una varietà di contorni come piselli, carote, insalata di cavolo e patatine fritte. Chi cerca un pasto più leggero dovrebbe provare il Chicken Roll (pollo tritato servito su un lungo rotolo di semi di sesamo).

Herfy (Arabia Saudita)

La più grande catena di fast food dell'Arabia Saudita ha 190 ristoranti in cinque paesi (Bahrain, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Kuwait e Arabia Saudita). Herfy's il menu ha 19 pasti combinati e 30 voci di menu che includono un hamburger svizzero ai funghi, anelli di pollo, Herfy Frappe e gelati morbidi chiamati Fusion Ice Cream.

Hesburger (Finlandia)

Fondato dal team di marito e moglie Heikki e Kirsti Salmela, il duo ha affinato le proprie abilità alla griglia a Naantali, in Finlandia, negli anni '60 prima di aprire il primo Hesburger nel 1980. Con 240 sedi in Finlandia e decine in Estonia, Germania, Lettonia, Lituania, Russia e Turchia, Hesburger è la più grande catena alimentare della Finlandia.

Re Jumbo (India)

Con più di 30 sedi in India, Re Jumbo è stato aperto dal team di marito e moglie Dheeraj Gupta e Reeta Gupta nel 2001 per servire vada pav (uno spuntino indiano a base di tortino di patate fritto piccante inserito tra un panino). Il gigante del fast-food, che si sforza di essere la più grande catena di ristoranti a servizio rapido dell'India entro il 2020, sta lavorando duramente per raggiungere l'obiettivo; ha servito 100 milioni vada pav ad oggi.

Lotteria (Corea del Sud)

Questa catena di fast food coreana ha aperto le sue porte a Sogong-dong, Seoul nel 1979 e da allora si è espansa in Vietnam, Cina e Indonesia. Opzioni del menu su Lotteria, un ibrido tra hamburger e pollo fritto include hamburger bulgogi, hamburger di gamberetti, sandwich di pollo fritto, pollo fritto, patatine fritte, bibite analcoliche, waffle e Tornado (gelato morbido con miscele come fragola, biscotti al cioccolato e tè verde).

Max Burgers (Svezia)

Max hamburger non è solo il miglior hamburger di Svezia (più venduto di McDonald's e Burger King), è anche una delle più antiche catene di hamburger in Europa con avamposti in Norvegia e Danimarca e più lontano negli Emirati Arabi Uniti. Fondata da Curt Bergfors e Britta Andersson a Gällivare nel nord della Svezia nel 1968, la catena di fast food serve una varietà di hamburger con molte opzioni. I commensali possono scegliere uno dei quattro diversi panini e sostituire le patatine fritte con insalata verde, insalata di fagioli, patate gratinate, carote o mele a fette.

MOS Burger (Giappone)

Con sedi in Australia, Cina, Hong Kong, Indonesia, Corea, Singapore, Taiwan e Thailandia, catena di hamburger giapponese Hamburger MOS è una vista comune in Asia. MOS Burger ha aperto per la prima volta a Tokyo nel 1972 ed è stata la prima azienda di servizi di ristorazione ad aprire in tutte le 47 prefetture del Giappone. A differenza di altre catene, i dipendenti di MOS Burger non preparano hamburger, patatine fritte e altre offerte fino a quando non viene effettuato un ordine, rendendo i tempi di attesa a MOS Burger un po' più lunghi rispetto ad altre catene di fast food. Vale la pena aspettare in più sono l'hamburger teriyaki, l'hamburger di pollo teriyaki, l'hamburger di riso MOS e la crocchetta di zucca di Hokkaido. Fino al 2002, MOS Burger aveva un avamposto alle Hawaii, ma non ha ancora raggiunto gli Stati Uniti continentali.

Mr. Bigg (Nigeria)

Mr. Bigg's attualmente ha più di 170 sedi in tutta la Nigeria ed è ancora in espansione, comprese quattro sedi in Ghana. Ricordando McDonald's con il suo motivo rosso e giallo, Mr. Bigg è famoso per i suoi pasticci di carne. I capisaldi della Nigeria moin moin (budino di fagioli al vapore) e riso jollof (un piatto con riso, pomodori, concentrato di pomodoro, cipolla, sale e peperoncino) sono le voci di menu più popolari, ma qui si vendono piatti occidentali come hamburger e persino torte di compleanno.

Nando (Regno Unito)

Quello che è iniziato come un negozio da asporto a Ealing, nella zona ovest di Londra, nel 1992, è cresciuto fino a diventare una catena di 300 ristoranti nel Regno Unito. Nando's piatto d'autore è il pollo portoghese peri-peri (peperoncino africano a volo d'uccello) grigliato alla fiamma. Il pollo viene marinato per 24 ore in salsa peri-peri, grigliato alla fiamma su ordinazione e servito liscio o con limone ed erbe, mango e lime, salsa media, piccante o extra piccante. C'è anche qualcosa (meno focoso) per il Nandinos (figli).

Nordsee (Germania)

Sebbene la maggior parte degli americani pensi agli hamburger quando pensa al fast food, Nordsee va in direzione con un menù ricco di pesce. Dal merluzzo al salmone, dal merluzzo alla platessa, hanno tutto. Puoi scegliere come preferisci cucinare il pesce, al forno, alla griglia, al vapore o fritto. Nordsee tenta di utilizzare il pesce proveniente da acque ben gestite per un cibo sano e sostenibile. Con oltre 400 sedi in tutta Europa, è la più grande catena di prodotti ittici del continente.

Pasquale Hnos. (Perù)

questo peruviano sangucheria catena specializzata in peruviano sanguches (panini). Con ristoranti solo in Perù, Pasqualela selezione di sandwich include chicharron (ciccioli di maiale), lechón (maialino da latte), tacchino, pollo alla griglia e salsiccia. Abbina il tuo pasto a succhi di frutta naturali come ananas e papaya. Perfetto.

Veloce (Francia)

Presto è la versione più vicina di McDonald's che abbiamo incontrato. La catena di fast food francese offre anche Il gigante, una versione francese del Big Mac (due hamburger separati da una fetta di formaggio e conditi con lattuga, cipolle e salsa) e Magic Box (il quasi uguale a Happy Meals). Uno dei migliori pasti per bambini fast-food stranieri in circolazione, Magic Boxes viene fornito con una scelta di hamburger, cheeseburger, crocchette di pollo o pepite di pesce a forma di pesce; Patatine fritte, rustiche o pomodorini; bibita, succo di frutta o acqua in bottiglia; e "patatine fritte" di mele, cono morbido alla vaniglia, mini bevanda allo yogurt alla fragola o salsa di mele spremibile.

Castello Reale (Trinidad e Tobago)

Il ristorante a conduzione familiare è stato aperto per la prima volta in Frederick Street a Trinidad e Tobago nel 1968 ed è stato il primo ristorante fast food dell'isola. Oggi sono 19 Castello Reale ristoranti e sei ristoranti in franchising, quasi tutti a Trinidad e Tobago, ma ci sono un paio di avamposti a Grenada e in Guyana. Il pollo e la sua ricetta segreta di spezie sono di provenienza locale e la ricetta è un segreto gelosamente custodito. Il menu include pollo fritto, pollo allo spiedo, sandwich di pesce volante, hamburger vegetariano con fetta di ananas e insalate.

Supermac (Irlanda)

Fondata dall'insegnante di scuola Pat McDonagh a Galway, in Irlanda, nel 1978, Supermac's ha più di 100 sedi in Irlanda e Irlanda del Nord. La società afferma di essere stata pioniera delle patatine al curry e della mania delle scatole di snack in Irlanda. Il menu di Supermac include hamburger, sandwich di pollo, merluzzo e patatine fritte e otto diverse varietà di patatine fritte, tra cui insalata di cavolo, taco, curry e patatine al formaggio.

Telepizza (Spagna)

Come suggerisce il nome, questa catena di fast food consegna pizza e altro (come hamburger, panini e pasta) tramite ordini telefonici e via Internet. Fondata a Madrid nel 1987, Telepizza da allora si è espansa a 1.200 pizzerie in Cile, Cina, Colombia, El Salvador, Guatemala, Perù, Polonia, Portogallo ed Emirati Arabi Uniti. Le pizze al forno sono preparate su ordinazione e includono alcuni sapori raramente visti negli Stati Uniti come Pizza Steak House, Pizza Bacon Cheeseburger, Pizza Barbacoa, Pizza Hot Dog e Pizza Barbacoa Crème Queso.

Teremok (Russia)

Il Teremok La catena è stata fondata nel 1998 ed è cresciuta fino a diventare una delle più grandi catene di fast food in Russia, con oltre 200 ristoranti. Qui troverai i tipici fast food russi, come borscht, gnocchi e carne macinata. Gli articoli più popolari sono i suoi blinis (crêpes sottili simili a frittelle servite con farcitura dolce o salata).

Wienerwald (Germania)

Il cameriere Friedrich Jahn ha fondato Wienerwald, un ristorante di pollo arrosto che, quando aprì per la prima volta a Monaco di Baviera nel 1955, serviva solo zuppa di noodle al pollo. Weinerwald presto preparò il pollo arrosto, un tempo riservato solo a celebrazioni speciali, un'opzione economica per i tedeschi che si fermavano con entusiasmo al ristorante per il pollo allo spiedo fatto in casa. Oggi le opzioni si sono ampliate al pollo alla griglia, al barbecue, al peperoncino, all'aglio e alle erbe. Per coloro che non possono decidere, prova il Chicken Box Special, che include le classiche varietà di pollo arrosto, pollo all'aglio, barbecue e peperoncino. I lati includono patatine fritte, insalata di patate e insalata di cavolo. Risparmia spazio per lo strudel di mele viennese e la viennese Kaiserschmarrn (una frittella densa fritta nel burro fresco, accompagnata da uvetta dolce e spolverata di zucchero a velo).

Wimpy (Regno Unito)

Se sei stato in Inghilterra, senza dubbio hai visto il cartello rosso e bianco con la parola "WIMPY" racchiusa tra due fette di pane (o in uno degli altri 23 paesi che Wimpy ora chiama casa). Non c'è niente di debole negli hamburger qui, che vengono serviti con lattuga, pomodoro, cipolle e ketchup su un panino bianco. Il Wimpy catena, che ha aperto nel 1954 a Lyon's Corner House in Coventry Street, Londra, afferma di essere la prima ad aver servito un hamburger vegetariano, lo Spicy Beanburger, ma serve anche fish and chips, "toastes" e prelibatezze per l'ora del tè, che includono torta al tè tostato con burro e torta di carote. Le nuove offerte includono hamburger aperti e una gamma di cioccolate calde.


In che modo McDonald's, Chipotle e altre catene di fast food stanno rispondendo all'epidemia di COVID-19

I ristoranti restano aperti per fornire servizi di ritiro e consegna e alcuni potrebbero persino vendere generi alimentari.

Man mano che si sviluppano ulteriori informazioni sulla pandemia di coronavirus, alcune delle informazioni in questa storia potrebbero essere cambiate dall'ultimo aggiornamento. Per le informazioni più aggiornate su COVID-19, visitare le risorse online fornite dal CDC, dall'OMS e dal dipartimento di sanità pubblica locale.

Poiché il nuovo focolaio di coronavirus ha colpito molti dei rivenditori negli Stati Uniti, le catene di fast food stanno facendo tutto il possibile per mantenere i loro clienti il ​​più sicuri possibile. Molte catene hanno dovuto chiudere le loro sale da pranzo in risposta agli ordini di soggiorno a casa in 45 stati e oltre, per Il New York Times, nel tentativo di impedire un'ulteriore diffusione del COVID-19 tra le comunità. Ma la maggior parte si sta orientando verso le operazioni di ritiro e consegna e alcuni stanno offrendo del tutto nuovi servizi, inclusi generi alimentari per i clienti che hanno problemi a procurarsi i prodotti di base nel supermercato locale.

La maggior parte delle grandi catene di fast food sta pianificando di rimanere aperte, molte con cambiamenti operativi temporanei man mano che gli stati estendono le misure di allontanamento sociale. Il ritiro da asporto è sicuramente un'opzione, anche se il negozio non ha una finestra drive-thru. Alcune catene potrebbero anche aver introdotto nuove opzioni di consegna o aumentato del tutto le spese di consegna per consentire alle persone di rimanere a casa in sicurezza. Tutti gli oltre 20 ristoranti in questo elenco offrono la consegna gratuita per i clienti, inclusa la consegna senza contatto, il che significa che puoi semplicemente lasciare il tuo pasto a portata di mano.

Per essere chiari, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ritengono che il coronavirus si diffonda da persona a persona, principalmente attraverso le goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta starnutisce, tossisce o parla rapidamente nelle immediate vicinanze di qualcun altro. Ad oggi, il CDC non ha segnalato alcun caso in cui i pazienti hanno contratto il COVID-19 mangiando cibo e il rischio associato alla manipolazione dei materiali di consegna (i sacchetti e le scatole in cui viene consegnato il cibo) è molto più basso rispetto a quando ci si trova effettivamente faccia a faccia. -affrontare il personale addetto alle consegne o i dipendenti di una catena di fast food. Detto questo, è fondamentale fare ciò che ti sembra giusto.

È anche importante notare che i funzionari di ben 30 stati (tra cui Illinois, Connecticut, Colorado, Iowa, Kentucky, New York, New Jersey, Pennsylvania, Louisiana, New Hampshire, Maryland, Michigan, Indiana, Massachusetts, Ohio, Vermont, e Washington, tra gli altri) hanno temporaneamente chiuso ristoranti e bar, consentendo solo il servizio di asporto e consegna a domicilio, per rallentare la diffusione del virus. Dato il ritmo in rapida evoluzione dell'epidemia di COVID-19, è meglio chiamare in anticipo il tuo fast-food per ottenere le informazioni più aggiornate su chiusure, cambi di orario e altro ancora.


In che modo McDonald's, Chipotle e altre catene di fast food stanno rispondendo all'epidemia di COVID-19

I ristoranti restano aperti per fornire servizi di ritiro e consegna e alcuni potrebbero persino vendere generi alimentari.

Man mano che si sviluppano ulteriori informazioni sulla pandemia di coronavirus, alcune delle informazioni in questa storia potrebbero essere cambiate dall'ultimo aggiornamento. Per le informazioni più aggiornate su COVID-19, visitare le risorse online fornite dal CDC, dall'OMS e dal dipartimento di sanità pubblica locale.

Poiché il nuovo focolaio di coronavirus ha colpito molti dei rivenditori negli Stati Uniti, le catene di fast food stanno facendo tutto il possibile per mantenere i loro clienti il ​​più sicuri possibile. Molte catene hanno dovuto chiudere le loro sale da pranzo in risposta agli ordini di soggiorno a casa in 45 stati e oltre, per Il New York Times, nel tentativo di impedire un'ulteriore diffusione del COVID-19 tra le comunità. Ma la maggior parte si sta orientando verso le operazioni di ritiro e consegna e alcuni stanno offrendo del tutto nuovi servizi, inclusi generi alimentari per i clienti che hanno problemi a procurarsi i prodotti di base nel supermercato locale.

La maggior parte delle grandi catene di fast food sta pianificando di rimanere aperte, molte con cambiamenti operativi temporanei man mano che gli stati estendono le misure di allontanamento sociale. Il ritiro da asporto è sicuramente un'opzione, anche se il negozio non ha una finestra drive-thru. Alcune catene potrebbero anche aver introdotto nuove opzioni di consegna o aumentato del tutto le spese di consegna per consentire alle persone di rimanere a casa in sicurezza. Tutti gli oltre 20 ristoranti in questo elenco offrono la consegna gratuita per i clienti, inclusa la consegna senza contatto, il che significa che puoi semplicemente lasciare il tuo pasto a portata di mano.

Per essere chiari, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ritengono che il coronavirus si diffonda da persona a persona, principalmente attraverso le goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta starnutisce, tossisce o parla rapidamente nelle immediate vicinanze di qualcun altro. Ad oggi, il CDC non ha segnalato alcun caso in cui i pazienti hanno contratto il COVID-19 mangiando cibo e il rischio associato alla manipolazione dei materiali di consegna (i sacchetti e le scatole in cui viene consegnato il cibo) è molto più basso rispetto a quando ci si trova effettivamente faccia a faccia. -affrontare il personale addetto alle consegne o i dipendenti di una catena di fast food. Detto questo, è fondamentale fare ciò che ti sembra giusto.

È anche importante notare che i funzionari di ben 30 stati (tra cui Illinois, Connecticut, Colorado, Iowa, Kentucky, New York, New Jersey, Pennsylvania, Louisiana, New Hampshire, Maryland, Michigan, Indiana, Massachusetts, Ohio, Vermont, e Washington, tra gli altri) hanno temporaneamente chiuso ristoranti e bar, consentendo solo il servizio di asporto e consegna a domicilio, per rallentare la diffusione del virus. Dato il ritmo in rapida evoluzione dell'epidemia di COVID-19, è meglio chiamare in anticipo il tuo fast-food per ottenere le informazioni più aggiornate su chiusure, cambi di orario e altro ancora.


In che modo McDonald's, Chipotle e altre catene di fast food stanno rispondendo all'epidemia di COVID-19

I ristoranti restano aperti per fornire servizi di ritiro e consegna e alcuni potrebbero persino vendere generi alimentari.

Man mano che si sviluppano ulteriori informazioni sulla pandemia di coronavirus, alcune delle informazioni in questa storia potrebbero essere cambiate dall'ultimo aggiornamento. Per le informazioni più aggiornate su COVID-19, visitare le risorse online fornite dal CDC, dall'OMS e dal dipartimento di sanità pubblica locale.

Poiché il nuovo focolaio di coronavirus ha colpito molti dei rivenditori negli Stati Uniti, le catene di fast food stanno facendo tutto il possibile per mantenere i loro clienti il ​​più sicuri possibile. Molte catene hanno dovuto chiudere le loro sale da pranzo in risposta agli ordini di soggiorno a casa in 45 stati e oltre, per Il New York Times, nel tentativo di impedire un'ulteriore diffusione del COVID-19 tra le comunità. Ma la maggior parte si sta orientando verso le operazioni di ritiro e consegna e alcuni stanno offrendo del tutto nuovi servizi, inclusi generi alimentari per i clienti che hanno problemi a procurarsi i prodotti di base nel supermercato locale.

La maggior parte delle grandi catene di fast food sta pianificando di rimanere aperte, molte con cambiamenti operativi temporanei man mano che gli stati estendono le misure di allontanamento sociale. Il ritiro da asporto è sicuramente un'opzione, anche se il negozio non ha una finestra drive-thru. Alcune catene potrebbero anche aver introdotto nuove opzioni di consegna o aumentato del tutto le spese di consegna per consentire alle persone di rimanere a casa in sicurezza. Tutti gli oltre 20 ristoranti in questo elenco offrono la consegna gratuita per i clienti, inclusa la consegna senza contatto, il che significa che puoi semplicemente lasciare il tuo pasto a portata di mano.

Per essere chiari, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ritengono che il coronavirus si diffonda da persona a persona, principalmente attraverso le goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta starnutisce, tossisce o parla rapidamente nelle immediate vicinanze di qualcun altro. Ad oggi, il CDC non ha segnalato alcun caso in cui i pazienti hanno contratto il COVID-19 mangiando cibo e il rischio associato alla manipolazione dei materiali di consegna (i sacchetti e le scatole in cui viene consegnato il cibo) è molto più basso rispetto a quando ci si trova effettivamente faccia a faccia. -affrontare il personale addetto alle consegne o i dipendenti di una catena di fast food. Detto questo, è fondamentale fare ciò che ti sembra giusto.

È anche importante notare che i funzionari di ben 30 stati (tra cui Illinois, Connecticut, Colorado, Iowa, Kentucky, New York, New Jersey, Pennsylvania, Louisiana, New Hampshire, Maryland, Michigan, Indiana, Massachusetts, Ohio, Vermont, e Washington, tra gli altri) hanno temporaneamente chiuso ristoranti e bar, consentendo solo il servizio di asporto e consegna a domicilio, per rallentare la diffusione del virus. Dato il ritmo in rapida evoluzione dell'epidemia di COVID-19, è meglio chiamare in anticipo il tuo fast-food per ottenere le informazioni più aggiornate su chiusure, cambi di orario e altro ancora.


In che modo McDonald's, Chipotle e altre catene di fast food stanno rispondendo all'epidemia di COVID-19

I ristoranti restano aperti per fornire servizi di ritiro e consegna e alcuni potrebbero persino vendere generi alimentari.

Man mano che si sviluppano ulteriori informazioni sulla pandemia di coronavirus, alcune delle informazioni in questa storia potrebbero essere cambiate dall'ultimo aggiornamento. Per le informazioni più aggiornate su COVID-19, visitare le risorse online fornite dal CDC, dall'OMS e dal dipartimento di sanità pubblica locale.

Poiché il nuovo focolaio di coronavirus ha colpito molti dei rivenditori negli Stati Uniti, le catene di fast food stanno facendo tutto il possibile per mantenere i loro clienti il ​​più sicuri possibile. Molte catene hanno dovuto chiudere le loro sale da pranzo in risposta agli ordini di soggiorno a casa in 45 stati e oltre, per Il New York Times, nel tentativo di impedire un'ulteriore diffusione del COVID-19 tra le comunità. Ma la maggior parte si sta orientando verso le operazioni di ritiro e consegna e alcuni stanno offrendo del tutto nuovi servizi, inclusi generi alimentari per i clienti che hanno problemi a procurarsi i prodotti di base nel supermercato locale.

La maggior parte delle grandi catene di fast food sta pianificando di rimanere aperte, molte con cambiamenti operativi temporanei man mano che gli stati estendono le misure di allontanamento sociale. Il ritiro da asporto è sicuramente un'opzione, anche se il negozio non ha una finestra drive-thru. Alcune catene potrebbero anche aver introdotto nuove opzioni di consegna o aumentato del tutto le spese di consegna per consentire alle persone di rimanere a casa in sicurezza. Tutti gli oltre 20 ristoranti in questo elenco offrono la consegna gratuita per i clienti, inclusa la consegna senza contatto, il che significa che puoi semplicemente farti consegnare il tuo pasto a portata di mano.

Per essere chiari, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ritengono che il coronavirus si diffonda da persona a persona, principalmente attraverso le goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta starnutisce, tossisce o parla rapidamente nelle immediate vicinanze di qualcun altro. Ad oggi, il CDC non ha segnalato alcun caso in cui i pazienti hanno contratto il COVID-19 mangiando cibo e il rischio associato alla manipolazione dei materiali di consegna (i sacchetti e le scatole in cui viene consegnato il cibo) è molto più basso rispetto al fatto di trovarsi faccia a faccia. -affrontare il personale addetto alle consegne o i dipendenti di una catena di fast food. Detto questo, è fondamentale fare ciò che ti sembra giusto.

È anche importante notare che i funzionari di ben 30 stati (tra cui Illinois, Connecticut, Colorado, Iowa, Kentucky, New York, New Jersey, Pennsylvania, Louisiana, New Hampshire, Maryland, Michigan, Indiana, Massachusetts, Ohio, Vermont, e Washington, tra gli altri) hanno temporaneamente chiuso ristoranti e bar, consentendo solo il servizio di asporto e consegna a domicilio, per rallentare la diffusione del virus. Dato il ritmo in rapida evoluzione dell'epidemia di COVID-19, è meglio chiamare in anticipo il tuo fast-food per ottenere le informazioni più aggiornate su chiusure, cambi di orario e altro.


In che modo McDonald's, Chipotle e altre catene di fast food stanno rispondendo all'epidemia di COVID-19

I ristoranti restano aperti per fornire servizi di ritiro e consegna e alcuni potrebbero persino vendere generi alimentari.

Man mano che si sviluppano ulteriori informazioni sulla pandemia di coronavirus, alcune delle informazioni in questa storia potrebbero essere cambiate dall'ultimo aggiornamento. Per le informazioni più aggiornate su COVID-19, visitare le risorse online fornite dal CDC, dall'OMS e dal dipartimento di sanità pubblica locale.

Poiché il nuovo focolaio di coronavirus ha colpito molti dei rivenditori negli Stati Uniti, le catene di fast food stanno facendo tutto il possibile per mantenere i loro clienti il ​​più sicuri possibile. Molte catene hanno dovuto chiudere le loro sale da pranzo in risposta agli ordini di soggiorno a casa in 45 stati e oltre, per Il New York Times, nel tentativo di impedire un'ulteriore diffusione del COVID-19 tra le comunità. Ma la maggior parte si sta orientando verso le operazioni di ritiro e consegna e alcuni stanno offrendo del tutto nuovi servizi, inclusi generi alimentari per i clienti che hanno problemi a procurarsi i prodotti di base nel supermercato locale.

La maggior parte delle grandi catene di fast food sta pianificando di rimanere aperte, molte con cambiamenti operativi temporanei man mano che gli stati estendono le misure di allontanamento sociale. Il ritiro da asporto è sicuramente un'opzione, anche se il negozio non ha una finestra drive-thru. Alcune catene potrebbero anche aver introdotto nuove opzioni di consegna o aumentato del tutto le spese di consegna per consentire alle persone di rimanere a casa in sicurezza. Tutti gli oltre 20 ristoranti in questo elenco offrono la consegna gratuita per i clienti, inclusa la consegna senza contatto, il che significa che puoi semplicemente lasciare il tuo pasto a portata di mano.

Per essere chiari, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ritengono che il coronavirus si diffonda da persona a persona, principalmente attraverso le goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta starnutisce, tossisce o parla rapidamente nelle immediate vicinanze di qualcun altro. Ad oggi, il CDC non ha segnalato alcun caso in cui i pazienti hanno contratto il COVID-19 mangiando cibo e il rischio associato alla manipolazione dei materiali di consegna (i sacchetti e le scatole in cui viene consegnato il cibo) è molto più basso rispetto al fatto di trovarsi faccia a faccia. -affrontare il personale addetto alle consegne o i dipendenti di una catena di fast food. Detto questo, è fondamentale fare ciò che ti sembra giusto.

È anche importante notare che i funzionari di ben 30 stati (tra cui Illinois, Connecticut, Colorado, Iowa, Kentucky, New York, New Jersey, Pennsylvania, Louisiana, New Hampshire, Maryland, Michigan, Indiana, Massachusetts, Ohio, Vermont, e Washington, tra gli altri) hanno temporaneamente chiuso ristoranti e bar, consentendo solo il servizio di asporto e consegna a domicilio, per rallentare la diffusione del virus. Dato il ritmo in rapida evoluzione dell'epidemia di COVID-19, è meglio chiamare in anticipo il tuo fast-food per ottenere le informazioni più aggiornate su chiusure, cambi di orario e altro ancora.


In che modo McDonald's, Chipotle e altre catene di fast food stanno rispondendo all'epidemia di COVID-19

I ristoranti restano aperti per fornire servizi di ritiro e consegna e alcuni potrebbero persino vendere generi alimentari.

Man mano che si sviluppano ulteriori informazioni sulla pandemia di coronavirus, alcune delle informazioni in questa storia potrebbero essere cambiate dall'ultimo aggiornamento. Per le informazioni più aggiornate su COVID-19, visitare le risorse online fornite dal CDC, dall'OMS e dal dipartimento di sanità pubblica locale.

Poiché il nuovo focolaio di coronavirus ha colpito molti dei rivenditori negli Stati Uniti, le catene di fast food stanno facendo tutto il possibile per mantenere i loro clienti il ​​più sicuri possibile. Molte catene hanno dovuto chiudere le loro sale da pranzo in risposta agli ordini di soggiorno a casa in 45 stati e oltre, per Il New York Times, nel tentativo di impedire un'ulteriore diffusione del COVID-19 tra le comunità. Ma la maggior parte si sta orientando verso le operazioni di ritiro e consegna e alcuni stanno offrendo del tutto nuovi servizi, inclusi generi alimentari per i clienti che hanno problemi a procurarsi i prodotti di base nel supermercato locale.

La maggior parte delle grandi catene di fast food sta pianificando di rimanere aperte, molte con cambiamenti operativi temporanei man mano che gli stati estendono le misure di allontanamento sociale. Il ritiro da asporto è sicuramente un'opzione, anche se il negozio non ha una finestra drive-thru. Alcune catene potrebbero anche aver introdotto nuove opzioni di consegna o aumentato del tutto le spese di consegna per consentire alle persone di rimanere a casa in sicurezza. Tutti gli oltre 20 ristoranti in questo elenco offrono la consegna gratuita per i clienti, inclusa la consegna senza contatto, il che significa che puoi semplicemente farti consegnare il tuo pasto a portata di mano.

Per essere chiari, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ritengono che il coronavirus si diffonda da persona a persona, principalmente attraverso le goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta starnutisce, tossisce o parla rapidamente nelle immediate vicinanze di qualcun altro. Ad oggi, il CDC non ha segnalato alcun caso in cui i pazienti hanno contratto il COVID-19 mangiando cibo e il rischio associato alla manipolazione dei materiali di consegna (i sacchetti e le scatole in cui viene consegnato il cibo) è molto più basso rispetto al fatto di trovarsi faccia a faccia. -affrontare il personale addetto alle consegne o i dipendenti di una catena di fast food. Detto questo, è fondamentale fare ciò che ti sembra giusto.

È anche importante notare che i funzionari di ben 30 stati (tra cui Illinois, Connecticut, Colorado, Iowa, Kentucky, New York, New Jersey, Pennsylvania, Louisiana, New Hampshire, Maryland, Michigan, Indiana, Massachusetts, Ohio, Vermont, e Washington, tra gli altri) hanno temporaneamente chiuso ristoranti e bar, consentendo solo il servizio di asporto e consegna a domicilio, per rallentare la diffusione del virus. Dato il ritmo in rapida evoluzione dell'epidemia di COVID-19, è meglio chiamare in anticipo il tuo fast food per ottenere le informazioni più aggiornate su chiusure, cambi di orario e altro ancora.


In che modo McDonald's, Chipotle e altre catene di fast food stanno rispondendo all'epidemia di COVID-19

I ristoranti restano aperti per fornire servizi di ritiro e consegna e alcuni potrebbero persino vendere generi alimentari.

Man mano che si sviluppano ulteriori informazioni sulla pandemia di coronavirus, alcune delle informazioni in questa storia potrebbero essere cambiate dall'ultimo aggiornamento. Per le informazioni più aggiornate su COVID-19, visitare le risorse online fornite dal CDC, dall'OMS e dal dipartimento di sanità pubblica locale.

Poiché il nuovo focolaio di coronavirus ha colpito molti dei rivenditori negli Stati Uniti, le catene di fast food stanno facendo tutto il possibile per mantenere i loro clienti il ​​più sicuri possibile. Molte catene hanno dovuto chiudere le loro sale da pranzo in risposta agli ordini di soggiorno a casa in 45 stati e oltre, per Il New York Times, nel tentativo di impedire un'ulteriore diffusione del COVID-19 tra le comunità. Ma la maggior parte si sta orientando verso le operazioni di ritiro e consegna e alcuni stanno offrendo nuovi servizi, inclusi generi alimentari per i clienti che hanno problemi a procurarsi i prodotti di base nel supermercato locale.

La maggior parte delle grandi catene di fast food sta pianificando di rimanere aperte, molte con cambiamenti operativi temporanei man mano che gli stati estendono le misure di allontanamento sociale. Il ritiro da asporto è sicuramente un'opzione, anche se il negozio non ha una finestra drive-thru. Some chains may also have introduced new delivery options or lifted delivery fees altogether to allow people to safely stay home. All of the 20 plus restaurants on this list are offering free delivery for customers, including contactless delivery, which means you can simply have your meal dropped on your doorstep.

To be clear, the Centers for Disease Control and Prevention (CDC) believes that the coronavirus is spread from person to person, mainly through respiratory droplets produced when an infected person sneezes, coughs, or speaks rapidly in close proximity to someone else. To date, the CDC hasn't reported any cases where patients contracted COVID-19 by eating food, and the risk associated with handling delivery materials (the bags and boxes the food is delivered in) is much lower compared to actually getting face-to-face with delivery personnel or the employees in a fast-food chain. That said, it's crucial to do what feels right for you.

It's also important to note that officials in as many as 30 states (including Illinois, Connecticut, Colorado, Iowa, Kentucky, New York, New Jersey, Pennsylvania, Louisiana, New Hampshire, Maryland, Michigan, Indiana, Massachusetts, Ohio, Vermont, and Washington, among others) have temporarily shut down restaurants and bars, allowing only takeout and delivery service, to slow the spread of the virus. Given the rapidly changing pace of the COVID-19 outbreak, it's best to call ahead to your fast-food store to get the most up-to-date info on closings, hour changes, and more.


How McDonald's, Chipotle, and Other Fast Food Chains Are Responding to the COVID-19 Outbreak

Restaurants are staying open to provide pick-up and delivery services &mdash some may even be selling groceries.

As more information about the coronavirus pandemic develops, some of the information in this story may have changed since it was last updated. For the most up-to-date information on COVID-19, please visit the online resources provided by the CDC, WHO, and your local public health department.

As the novel coronavirus outbreak has impacted many of the retailers across the United States, fast-food chains are doing everything they can to keep their customers as safe as possible. Many chains have had to shutter their dining rooms in response to stay-at-home orders in 45 states and counting, per Il New York Times, in an attempt to prevent COVID-19 from further spreading among communities. But most are pivoting to pick-up and delivery operations &mdash and some are offering new services altogether, including groceries for customers who are having trouble securing staples at their local supermarket.

The majority of big fast food chains are planning to stay open, many with temporary operational changes as states extend social distancing measures. Picking up take-out is certainly an option, even if the store doesn't have a drive-thru window. Some chains may also have introduced new delivery options or lifted delivery fees altogether to allow people to safely stay home. All of the 20 plus restaurants on this list are offering free delivery for customers, including contactless delivery, which means you can simply have your meal dropped on your doorstep.

To be clear, the Centers for Disease Control and Prevention (CDC) believes that the coronavirus is spread from person to person, mainly through respiratory droplets produced when an infected person sneezes, coughs, or speaks rapidly in close proximity to someone else. To date, the CDC hasn't reported any cases where patients contracted COVID-19 by eating food, and the risk associated with handling delivery materials (the bags and boxes the food is delivered in) is much lower compared to actually getting face-to-face with delivery personnel or the employees in a fast-food chain. That said, it's crucial to do what feels right for you.

It's also important to note that officials in as many as 30 states (including Illinois, Connecticut, Colorado, Iowa, Kentucky, New York, New Jersey, Pennsylvania, Louisiana, New Hampshire, Maryland, Michigan, Indiana, Massachusetts, Ohio, Vermont, and Washington, among others) have temporarily shut down restaurants and bars, allowing only takeout and delivery service, to slow the spread of the virus. Given the rapidly changing pace of the COVID-19 outbreak, it's best to call ahead to your fast-food store to get the most up-to-date info on closings, hour changes, and more.


How McDonald's, Chipotle, and Other Fast Food Chains Are Responding to the COVID-19 Outbreak

Restaurants are staying open to provide pick-up and delivery services &mdash some may even be selling groceries.

As more information about the coronavirus pandemic develops, some of the information in this story may have changed since it was last updated. For the most up-to-date information on COVID-19, please visit the online resources provided by the CDC, WHO, and your local public health department.

As the novel coronavirus outbreak has impacted many of the retailers across the United States, fast-food chains are doing everything they can to keep their customers as safe as possible. Many chains have had to shutter their dining rooms in response to stay-at-home orders in 45 states and counting, per Il New York Times, in an attempt to prevent COVID-19 from further spreading among communities. But most are pivoting to pick-up and delivery operations &mdash and some are offering new services altogether, including groceries for customers who are having trouble securing staples at their local supermarket.

The majority of big fast food chains are planning to stay open, many with temporary operational changes as states extend social distancing measures. Picking up take-out is certainly an option, even if the store doesn't have a drive-thru window. Some chains may also have introduced new delivery options or lifted delivery fees altogether to allow people to safely stay home. All of the 20 plus restaurants on this list are offering free delivery for customers, including contactless delivery, which means you can simply have your meal dropped on your doorstep.

To be clear, the Centers for Disease Control and Prevention (CDC) believes that the coronavirus is spread from person to person, mainly through respiratory droplets produced when an infected person sneezes, coughs, or speaks rapidly in close proximity to someone else. To date, the CDC hasn't reported any cases where patients contracted COVID-19 by eating food, and the risk associated with handling delivery materials (the bags and boxes the food is delivered in) is much lower compared to actually getting face-to-face with delivery personnel or the employees in a fast-food chain. That said, it's crucial to do what feels right for you.

It's also important to note that officials in as many as 30 states (including Illinois, Connecticut, Colorado, Iowa, Kentucky, New York, New Jersey, Pennsylvania, Louisiana, New Hampshire, Maryland, Michigan, Indiana, Massachusetts, Ohio, Vermont, and Washington, among others) have temporarily shut down restaurants and bars, allowing only takeout and delivery service, to slow the spread of the virus. Given the rapidly changing pace of the COVID-19 outbreak, it's best to call ahead to your fast-food store to get the most up-to-date info on closings, hour changes, and more.


How McDonald's, Chipotle, and Other Fast Food Chains Are Responding to the COVID-19 Outbreak

Restaurants are staying open to provide pick-up and delivery services &mdash some may even be selling groceries.

As more information about the coronavirus pandemic develops, some of the information in this story may have changed since it was last updated. For the most up-to-date information on COVID-19, please visit the online resources provided by the CDC, WHO, and your local public health department.

As the novel coronavirus outbreak has impacted many of the retailers across the United States, fast-food chains are doing everything they can to keep their customers as safe as possible. Many chains have had to shutter their dining rooms in response to stay-at-home orders in 45 states and counting, per Il New York Times, in an attempt to prevent COVID-19 from further spreading among communities. But most are pivoting to pick-up and delivery operations &mdash and some are offering new services altogether, including groceries for customers who are having trouble securing staples at their local supermarket.

The majority of big fast food chains are planning to stay open, many with temporary operational changes as states extend social distancing measures. Picking up take-out is certainly an option, even if the store doesn't have a drive-thru window. Some chains may also have introduced new delivery options or lifted delivery fees altogether to allow people to safely stay home. All of the 20 plus restaurants on this list are offering free delivery for customers, including contactless delivery, which means you can simply have your meal dropped on your doorstep.

To be clear, the Centers for Disease Control and Prevention (CDC) believes that the coronavirus is spread from person to person, mainly through respiratory droplets produced when an infected person sneezes, coughs, or speaks rapidly in close proximity to someone else. To date, the CDC hasn't reported any cases where patients contracted COVID-19 by eating food, and the risk associated with handling delivery materials (the bags and boxes the food is delivered in) is much lower compared to actually getting face-to-face with delivery personnel or the employees in a fast-food chain. That said, it's crucial to do what feels right for you.

It's also important to note that officials in as many as 30 states (including Illinois, Connecticut, Colorado, Iowa, Kentucky, New York, New Jersey, Pennsylvania, Louisiana, New Hampshire, Maryland, Michigan, Indiana, Massachusetts, Ohio, Vermont, and Washington, among others) have temporarily shut down restaurants and bars, allowing only takeout and delivery service, to slow the spread of the virus. Given the rapidly changing pace of the COVID-19 outbreak, it's best to call ahead to your fast-food store to get the most up-to-date info on closings, hour changes, and more.



Commenti:

  1. Webbe

    Mi dispiace di non poter partecipare alla discussione ora. Pochissime informazioni. Ma sarò felice di seguire questo argomento.

  2. Dimitrie

    Da me, questa non è la variante migliore

  3. Nikom

    Hai torto. Sono sicuro. Posso dimostrarlo. Scrivi in ​​PM, discuteremo.

  4. Arie

    Argomento divertente

  5. Mitch

    Un pensiero molto interessante

  6. Quaid

    Parliamo su questa domanda.

  7. Heinz

    È un pezzo notevole, molto utile



Scrivi un messaggio