it.mpmn-digital.com
Nuove ricette

Arte e cibo: i 10 migliori caffè nei musei del mondo

Arte e cibo: i 10 migliori caffè nei musei del mondo


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Questi caffè sono essenziali, non complementari, all'esperienza del museo

I caffè dei musei hanno da tempo trasceso il loro status di piccole stazioni che servono caffè e panini refrigerati, lì semplicemente per i turisti affamati che si irritano per le troppe visite turistiche. Devono percorrere una linea sottile tra l'essere molto bravi e il non rubare la scena ai musei che occupano. I seguenti 10 caffè del museo si adattano perfettamente all'etica e alla qualità dei rispettivi musei; non rubano i riflettori né si nascondono nell'ombra. Aggiungono l'esperienza sensoriale che dipinti, sculture e altri media non possono fornire: il gusto.

Arte e cibo: i 10 migliori caffè nei musei del mondo

I caffè dei musei hanno da tempo trasceso il loro status di piccole stazioni che servono caffè e panini refrigerati, lì semplicemente per i turisti affamati che si irritano per le troppe visite turistiche. Aggiungono l'esperienza sensoriale che dipinti, sculture e altri media non possono fornire: il gusto.

10. Il ristorante del museo al Tassenmuseum Hendrikje (Amsterdam)

Il Ristorante al Tassenmuseum Hendrikje, o Museo delle borse e dei portamonete, ad Amsterdam è costituito da due sale d'epoca con soffitti dipinti originali del XVII e XVIII secolo. Il ristorante è aperto per pranzo e per l'high tea - in particolare il loro "high tea alla moda", che presenta una torta alla cannella che assomiglia alle scarpe rosse di Bette Midler, una torta alla vaniglia e marzapane che ricorda una borsa Chanel 2.55 e una torta ripiena di frutto della passione “Moschino bon bon.” Il cibo celebra il museo e per questo è una parte essenziale della tua visita.

9. Caffè Asia (San Francisco)

Cafe Asia rende i soliti panini freddi al tonno nei caffè dei musei piuttosto imbarazzati, con articoli come yakiniku maiale banh mi, insalata di pollo con radice di loto croccante, pesce di mercato con una glassa di miso rossa e altre opzioni appetitose. Le specialità del giorno in continua evoluzione mostrano la creatività della chef Melinda Quirino.

8. MCA Cafe (Sydney)

C'è un modo migliore per concludere (o iniziare) una visita a un museo d'arte contemporanea che mangiando pane alla banana con ricotta al frutto della passione, bevendo mimose e godendo di una vista perfetta della Sydney Opera House? I clienti più affamati possono optare per barramundi in pastella e patatine fritte con aïoli al lime o un'insalata di barbabietole arrosto e alce. Ad ogni modo, un po' di tempo da Sydney? MCA Cafe e Sculpture Terrace è un must nella metropoli australiana.

7. Caffè Sabarsky (New York)

Se i dipinti della Neue Gallery di grandi austriaci come Gustav Klimt o Egon Schiele non sono sufficienti per trasportarti a Vienna, allora Cafe Sabarsky - con i suoi apparecchi di illuminazione di Josef Hoffmann, i mobili di Adolf Loos, la tappezzeria in tessuto Otto Wagner del 1912 e il pianoforte a coda Bösendorfer che viene effettivamente utilizzato per spettacoli di cabaret, da camera e di musica classica al museo - ti farà sicuramente sentire come se fossi in un caffè viennese. Le bevande, come il wiener melange latte e l'holunderblütensaft (acqua frizzante con sciroppo di fiori di sambuco), e i dessert, come la topfentorte (cheesecake al quark (cottage)) e la kandinskytorte (torta di mousse di castagne con pere e glassa di cioccolato), sono perfetti accompagnamenti per intellettuali, coinvolgenti conversazione sull'arte nel resto del museo.

6. Café d'Art (Tokyo)

Dopo aver dato un'occhiata all'Hara Museum of Contemporary Art di Tokyo, ti consigliamo di provare uno dei Café D'Artle famose "torte immagine": torte lavorate con cura che rispecchiano la mostra in corso. Stiamo parlando di un topo al sesamo nero fatto per sembrare un uomo chiacchierone, una torta di gelatina che si trova su un pezzo di lamina d'argento che "esprime la tensione presente nell'opera dell'artista Toko Shinoda" e una mousse al cocco che imita il volto di autoritratto artista Morimura. Morimura crea ritratti di se stesso vestito come personaggi famosi, e questo dolce ritrae Morimura vestito da Frida Kahlo, con un unibrow fatto di salsa di sesamo scuro. La torta di immagini è un altro pezzo di arte postmoderna da non perdere nel museo.

5. Blueprint Café (Londra)

A Londra non mancano ottimi caffè museali, in particolare quelli del Victoria and Albert Museum e della Tate Modern, ma Blueprint Café al Design Museum prende la torta. Situato proprio sul Tamigi e con una vista eccellente del Tower Bridge, il Blueprint Café da fattoria a tavola ha sia menu a prezzo fisso che à la carte che includono articoli come salmone al tè, arancia rossa e insalata di finocchi; risotto triangolare all'aglio con purea di mandorle e ravanelli sott'aceto; e ananas compresso con sorbetto al cocco e spuma di frutto della passione.

4. M. Wells Dinette (New York City)

Con prodotti di alta concezione (e ricchi di grassi) come foie e avena, crostata di midollo osseo, guanciale di vitello alla Stroganoff, ostriche alla bolognese, "bi bim Wells" (con sashimi di tonno, ostrica, foie gras, avocado e un uovo in camicia), budino di sangue e più oggetti che cambiano frequentemente, M. Wells Dinette è il ristorante perfetto per il sempre cool MoMa PS1 a Long Island City. Progettato per sembrare un'aula scolastica, è arredato con tavoli comuni simili a scrivanie (che hanno quaderni e matite nei cassetti) rivolti tutti in una direzione e il menu è scritto sulla lavagna. Lo chef del Quebec Hugh Dufour gestisce M. Wells con sua moglie Sarah Obraitis e il loro ristorante ha ricevuto ampi consensi di critica e pubblico.

3. Café Jacquemart-André (Parigi)

Situato nella sala da pranzo dell'ex dimora di famosi collezionisti d'arte, Café Jacquemart-André è una delle sale da tè più belle di Parigi. Goditi i dolci della famosa Pâtisserie Stohrer e la Petite Marquise di Michel Fenet nei giorni feriali, o vieni per un vivace brunch del fine settimana - in tal caso, potresti usare il tempo di attesa per vedere il museo, perché aspetterai un po'. In occasione di ogni nuova mostra, il caffè progetta il suo menu per riflettere i temi della mostra; al momento, le poche proposte italiane del menu rispecchiano la loro mostra “Da Giotto a Caravaggio”.

2. MUNIZIONI all'Hammer Museum (Los Angeles)

MUNIZIONI, nel cortile dell'Hammer Museum, è un luogo ideale per godersi il bel tempo di Los Angeles, soprattutto perché il loro menu di piatti di provenienza locale include orecchiette con cavolfiore caramellato e rapini piccanti, rucola con cachi e ricotta salata e il loro famoso polpettone di tacchino con cavolo saltato. L'Hammer Museum, che è gratuito per il pubblico, è pieno di arte lungimirante che non snobba il naso all'industrialismo aziendale, ed è noto per aver difeso artisti e movimenti della storia dell'arte trascurati. Quella senza pretese e creatività si trova anche nel cibo di AMMO.

1. Mitsitam Native Foods Café (Washington, D.C., USA)

Nello splendido Museo Smithsonian degli indiani d'America c'è l'altrettanto stupefacente Mitsitam Native Foods Café, con un menu che cambia stagionalmente specializzato nella cucina di varie tribù indigene dell'emisfero occidentale. È una lezione antropologica attraverso le tue papille gustative. Nella sezione delle tribù dei boschi del nord, puoi assaggiare cibi come pastinaca e zuppa di zafferano con olio di sommacco, e nella sezione delle Grandi Pianure, ti godrai antipasti come costolette di bufalo brasate alla ciliegia con purè di sedano. Mitsitam, che ha molte opzioni vegetariane e un proprio libro di cucina, renderà sicuramente la tua visita un'esperienza museale davvero fuori dagli schemi e indimenticabile.



Commenti:

  1. Avidan

    Bene, allora cosa?

  2. Hannah

    Che bella idea

  3. Adley

    Hanno fatto uno stand qui ... Mi sembra che l'autore abbia scritto correttamente, beh, avrebbe potuto essere più morbido. P. S. Mi congratulo con te per l'ultimo Natale!

  4. Beinvenido

    In my opinion it has already been discussed, take advantage of the search.

  5. Windham

    Questa meravigliosa idea da avere solo tra l'altro

  6. Karim

    Solo questo è necessario, parteciperò. Insieme possiamo arrivare a una risposta giusta. sono sicuro.



Scrivi un messaggio