it.mpmn-digital.com
Nuove ricette

Le 10 migliori panetterie in America

Le 10 migliori panetterie in America



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Visitare una vera panetteria per comprare il pane è come andare da un macellaio per comprare la carne o da un pescivendolo per comprare il pesce: un'abitudine morente. Fortunatamente, negli Stati Uniti esistono ancora qualche migliaio di piccole panetterie, abbastanza da permetterci di stilare la nostra lista di Le 75 migliori panetterie d'America. Ecco le panetterie che sono arrivate nella top 10.

I 10 migliori panifici d'America (diapositiva)

Secondo un 2013 rapporto da Sundale Research, gli Stati Uniti hanno quasi 6.700 panifici indipendenti che servono gli americani ogni giorno. Per compilare la nostra lista di Le 75 migliori panetterie d'America, abbiamo ristretto queste 6.700 panetterie a 200, in base a una combinazione di fattori — considerando le panetterie che sono arrivate in cima alle nostre liste precedenti e quelle riconosciute da altre pubblicazioni — e le abbiamo messe l'una contro l'altra in un sondaggio che abbiamo inviato al nostro gruppo di esperti. Ai partecipanti è stato chiesto di classificare quelli che ritenevano fossero i migliori panifici per regione e di indicare quali articoli ritenevano che ogni panificio fosse più conosciuto (torte, torte, pane, ecc.). Abbiamo preso la lista e l'abbiamo messa sotto esame da parte del team editoriale del Daily Meal. Erano solo specialisti in una particolare categoria di pasticceria? Se sì, erano così bravi in ​​quella categoria da meritare comunque di essere inseriti nell'elenco? Per la maggior parte, queste panetterie, in particolare le prime 10, rappresentano talenti a tutto tondo, ma c'erano alcuni specialisti troppo talentuosi per essere ignorati.

Gran parte delle panetterie nell'elenco totale, in particolare quelle tra le prime 10, si trovano a New York City, poiché molti dei nostri relatori conoscevano bene la città e sono stati in grado di classificare con sicurezza tali stabilimenti. Questo non significa certamente che New York sia l'unica città con favolose panetterie, però. Dai un'occhiata al resto della lista, che include panetterie in Delaware, Ohio e Oklahoma, tra gli altri stati, e spiegaci perché alcune panetterie non newyorkesi devono essere votate tramite tweet @thedailymeal o lasciando un commento qui sotto. Meglio ancora, parlaci di una panetteria che dobbiamo avere sul nostro radar.

Se ti trovi vicino a una di queste panetterie, non esitare a fermarti, anche solo per guardare le splendide vetrine e sentire il profumo più confortante della cottura del pane. Dopotutto, sono tra i migliori del paese.

Segnalazione aggiuntiva di Nikkitha Bakshani

#10 Levain Bakery, New York City e Wainscott, N.Y.

Panetteria Levaini biscotti umidi e decadenti, che si presentano in sapori provati come l'uvetta di farina d'avena e il burro di arachidi scuro, sono uno di quei cibi che non puoi lasciare New York (o gli Hamptons!) senza assaggiare. Altri prodotti da forno includono brioche con gocce di cioccolato e crostate rustiche di frutta e una selezione di pane in stile francese, come baguette e bocce di campagna.

#9 Maison Kayser, New York City

Lo chef francese Eric Kayser ha aperto Maison Kayser a Parigi nel 1996, e ora ha più di 100 panifici in tutto il mondo in 13 paesi, con tutte le sedi degli Stati Uniti attualmente situate a New York City. Provate il loro pain au chocolat, o ancora meglio, il loro plié au chocolat, che ha un ripieno di crema pasticcera e tante minuscole gocce di cioccolato che fanno sembrare avara la striscia di cioccolato in pains au chocolat. E poi ci sono i finanzieri al pistacchio, i biscotti tipo torta, le baguette multicereali alle noci, il pane alle olive con pezzi lucidi di vere olive verdi e Kalamata e altre prelibatezze che ti trasporteranno a Parigi in un solo boccone.


20 Grandi Panifici Americani

Durante la ricerca del nostro servizio speciale sul pane americano per il nostro numero di maggio 2012, venti panifici in tutto il paese si sono distinti sugli altri come pionieri e modelli di ruolo nel movimento del pane artigianale americano.

Azienda del pane acme

Bay Area, California
510/524-1327

Questa istituzione di Berkeley di quasi 30 anni, guidata dal co-fondatore e allievo di Chez Panisse Steve Sullivan, non si accontenta di riposare sugli allori lievitati. Impegnata dal 1999 a utilizzare solo farina biologica, in questi giorni Acme, con la sua panetteria originale a Berkeley e un avamposto nel Ferry Building Marketplace di San Francisco, sta lavorando a stretto contatto con il fornitore di farina Keith Giusto e il suo gruppo di agricoltori californiani per trovare il pane del focolare. varietà di frumento amichevoli adatte al clima locale. Una pagnotta da tenere d'occhio: la nuova pagnotta “Edible Schoolyard Loaf di Acme, un gustoso omaggio al programma innovativo di Alice Waters, un pane tostato fatto con grano Yecora Rojo macinato a pietra e coltivato in California. Un punto di orgoglio per Sullivan: cinque dipendenti attuali o passati hanno ora una quota di proprietà in questa tanto amata panetteria pionieristica.

Balthazar

Englewood, New Jersey
201/503-9717

Come guardare gli Yankees, cavalcare il ciclone e fare shopping a SoHo, mangiare il pane Balthazar è un'esperienza newyorkese per antonomasia. Ok, tecnicamente è cotto in un magazzino di 14.000 piedi quadrati a Englewood, nel New Jersey, ma le dozzine di prodotti di Balthazar riempiono il granaio di centinaia di ristoranti nei cinque distretti, inclusa la brasserie sorella della panetteria dello stesso nome. E nonostante l'operazione su larga scala, ogni pane ha il sapore del lavoro di una singola boulangerie. La Baguette francese, Rye Boule, un pane alle olive infuso di birra e un pane al cioccolato caricato con pezzetti di cioccolato agrodolce sono solo alcuni dei più grandi successi di Balthazar.

Panificio di montagna del Berkshire

Housatonic, Massachusetts
413/274-3412

Il negozio di Baker Richard Bourdon può essere nascosto in un villaggio del Massachusetts occidentale con una popolazione di poco più di 1.000 abitanti, ma ha attirato l'attenzione di tutta la nazione. Le richieste di viaggi su strada al Berkshire Mountain Bakery sono certamente giustificate, poiché Bourdon, che proviene dal Quebec, è stato impegnato nell'arte della cottura a lievito naturale naturale per più di 35 anni – molto prima che questo processo di lievito selvaggio diventasse in voga in America . Alcuni dei suoi prodotti più leggendari sono Bread and Chocolate, una boule bianca tempestata di pezzi di cioccolato Callebaut, il Multi Grain ricoperto di fiocchi d'avena e il Cherry Pecan, che fa un incredibile french toast.

Bien Cuit

Bien Cuit

Brooklyn, New York
718/852-0200

Le storie di Zachary Golper delle sue prime esperienze di cucina a 19 anni nelle zone rurali dell'Oregon suonano come un folklore vecchio di generazioni, ma sono accadute solo 15 anni fa! Lavorava a lume di candela sotto la guida di un uomo a lui noto solo come Carlos, impastando a mano la pasta e rastrellando la brace del forno a legna. In questi giorni, Golper utilizza miscelatori elettrici nella panetteria e caffetteria Boerum Hill di un anno che possiede con sua moglie, Kate Wheatcroft, ma le sue tecniche sono meticolose come sempre. Ad esempio, mescola sei diverse farine e poi fa fermentare l'impasto per 68 ore per creare le miche, una pagnotta rotonda in stile francese con una crosta scura e gommosa e un sapore leggermente aspro.

Anatra blu

Blue Duck Bakery and Cafe

Blue Duck Bakery Cafe

East Long Island, New York
631/629-4123

Keith Kouris ha alzato il pane dalla metà degli anni '90, quando, da giovane fornaio visionario in una periferia di King Kullen, ha introdotto il pane artigianale in uno dei più grandi supermercati di Long Island. Nel 1999 lui e sua moglie Nancy hanno aperto Blue Duck a Southampton, in un edificio che ospitava una panetteria dagli anni '30, rivolgendosi all'Europa per trovare ispirazione per le loro tradizionali baguette, batard e focacce fatte a mano. Adoriamo il loro Gommoso e abbondante Pain Rustique, lo splendido Pain Chocolat super aromatico al profumo di finocchio con uvetta e spezie e una splendida pagnotta di girasole tempestata di semi. Cosa rende il pane Blue Duck così delizioso? La vicinanza all'acqua - l'Oceano Atlantico a South Fork e il Long Island Sound a nord - potrebbe essere parte del segreto, fortificando le culture di Kouris con l'umidità e una spruzzata di aria salata. Ma è la passione del fornaio che eleva Blue Duck al di sopra del gregge.

Solo pane

Boiceville, New York
845/657-3328

Questa panetteria pionieristica situata nella Hudson Valley di New York, produce più di 55.000 libbre di pane biologico ogni settimana, inviando pagnotte appena sfornate a supermercati, negozi specializzati e mercati contadini in tutto il nord-est, per non parlare dei suoi tre caffè nello stato di New York . Ma Bread Alone non è sempre stata un'operazione così importante. L'artigiano Dan Leader si è trasferito a Catskills nel 1983 per sfuggire alla corsa al successo di New York City e ha venduto il pane dalla sua Mazda Hatchback. Ma era tornato a Manhattan abbastanza presto, vendendo pane da solo pane nei mercati verdi della città. E nonostante l'espansione di Bread Alone, Leader e il suo team usano ancora ingredienti di provenienza locale per tutto, dal loro Challah dorato alla loro Ciabatta rustica.

Della Fattoria

Della Fattoria

Petaluma, California
707/763-0161

Fondata nel 1995 da Edmund e Kathleen Weber nel loro ranch di famiglia, un vecchio allevamento di polli che oggi fornisce uova e prodotti al loro caffè nel centro di Petaluma, Della Fattoria ha iniziato quasi per caso nel 1994 dopo che Kathleen ha installato un forno a legna fuori dalla cucina (& #8220un sogno per tutta la vita!”) e iniziò a cuocere il pane per gli amici, i vicini e, presto, lo chef del Sonoma Mission Inn dove lavorava suo figlio Aaron. Oggi Della Fattoria sforna 400-1.200 pagnotte a notte modellate a mano, croccanti bellezze realizzate con farina 100% biologica, sale marino di Bretagna e un lievito naturale nato anni fa con il lievito delle uve Weber Ranch (si coltivano ancora il Pinot Nero nella loro piccola vigna). I loro pani - campagne, levain, ciabatta, polenta, semi di zucca e altro - sono tutti lievitati naturalmente e cotti sul fondo dei loro due forni a legna utilizzando il calore trattenuto. Trovali in ristoranti come l'Auberge du Soleil di Napa Valley e i mercati contadini settimanali di Marin e San Francisco Ferry Plaza. Il pane al limone Rosemary-Meyer di Della Fattoria è uno schianto: salato, al limone, alle erbe, con una bella lucentezza alla mollica ben strutturata e una crosta che porta segni di bellezza dal pavimento del focolare su cui è stato cotto.

I pani della tradizione di Gerard

Westford, Vermont
Disponibile presso Onion River Co-Op, Burlington, Vermont

È una buona cosa che Gerard Rubaud abbia allestito la sua panetteria vicino alla sua casa nel Vermont, poiché spesso lavora 15 ore di fila per formare a mano e cuocere a legna centinaia del suo prodotto caratteristico, il pane rustico ai 3 cereali a base di lievito selvatico. “Mi piace cuocere tutta la notte, sotto le stelle – questa è la mia vita”,” ha detto Rubaud, un nativo della Savoia che ha fatto il suo primo apprendistato all'età di 13 anni. prende il nome da lui!) impiega ancora molte delle stesse tecniche che ha imparato da adolescente negli anni '50, incluso l'uso di una smerigliatrice manuale per macinare la farina e l'alimentazione del suo levain organico tre volte al giorno. Sono i metodi come questi che rendono il lievito naturale di Gerard il pane più aromatizzato dello stato.

Panetteria Grand Central

Leslie Cole (per gentile concessione di Grand Central Bakery)

Panetteria Grand Central

Portland, Oregon e Seattle, Washington
Questa pioniera del nord-ovest del Pacifico, fondata da Gwenyth Bassetti nel 1989, è nata dalla sua piccola paninoteca di Seattle The Bakery, che quando è stata aperta nel 1972 serviva un caffè personalizzato “Bakery Blend” preparato per loro da una nuova azienda locale chiamata Starbucks. Oggi Grand Central Bakery ha tre sedi a Seattle e altre sei (presto sette) a Portland, ed è gestita dal figlio di Gwen, Ben, un ex geologo e pescatore in Alaska, figlia di Piper, l'anima dell'azienda e un assortimento di amici che condividono la loro passione. I pani da forno rustici in stile europeo del Grand Central sono realizzati con farina bianca coltivata in modo sostenibile da Shepherd's Grain a Palouse, Washington e farina integrale da Camas Country Mill nella Willamette Valley dell'Oregon, che sta riportando varietà di grano antiche come Red Fife ben si adatta al clima locale. Oltre alle classiche baguette, levain, ciabatta, segale acida e il famoso pane bianco di Como all'italiana, con la sua crosta croccante e la mollica lucida, Grand Central Bakery ha appena iniziato un programma stagionale di pane, che ha preso il via lo scorso inverno con un Limpa svedese a base di segale, profumata con anice, coriandolo, semi di cumino e scorza d'arancia.

Pane fantasma affamato

Northampton, Massachusetts
413/582-9009

The Hungry Ghost nutre più degli alcolici con i suoi pani spettacolari, tra cui francese, uvetta biologica e una densa segale condita con semi di kalonji neri tostati. Cotti in un forno a legna in muratura, i fornai/proprietari Jonathan Stevens e Cheryl Maffei hanno contribuito a costruirsi da soli, molti dei pani di Hungry Ghost sono fatti con grano e farro coltivati ​​localmente e appena macinati, coltivati ​​come parte del panificio “Piccolo Red Hen” progetto per ripristinare la coltivazione del grano nella Pioneer Valley. Come i semi di grano Johnny Apple, Stevens e Maffei hanno iniziato diversi anni fa a distribuire manciate di bacche di grano ai clienti desiderosi di piantare nei loro cortili e giardini. Ormai, un agricoltore locale consegna 400 libbre di farina a Hungry Ghost ogni settimana. Prova il pane Trinity di Hungry Ghost, fatto con farro, grano e triticale locali (una croce di grano e segale). Un'altra curiosa specialità è l'annadama, un pane del New England di farina di mais e melassa nato, la leggenda narra, quando un pescatore affamato, stanco del porridge di farina di mais e melassa, sua moglie senza fantasia gli serviva giorno dopo giorno, aggiungendo lievito e farina, borbottando e #8220Anna, dannazione a lei” mentre preparava l'intruglio.

Pane del mondo di Iggy

Il pane del mondo di Iggy

Cambridge, Massachusetts
619/924-0949

Il team di marito e moglie Igor e Ludmilla Ivanovic ha cambiato la scena del pane di Boston quando hanno aperto la loro rivoluzionaria panetteria Watertown in un anonimo blocco industriale nel 1994. Le loro creazioni, dalla focaccia umida fatta con pasta lievitata naturalmente al sostanzioso panino ai 7 cereali condito con fiori di campo miele, sono state rivelazioni per la gente del posto cresciuta con il pane del supermercato eccessivamente lavorato. Iggy's, il cui pane è disponibile presso il negozio della panetteria, nei mercati degli agricoltori del New England e nei negozi di alimentari, è orgoglioso di utilizzare ingredienti biologici provenienti da fattorie sostenibili.

Panetteria artigianale di Ken

Portland, Oregon
503/248-2202

Ispirato dal famoso fornaio francese Lionel Poilane, Ken Forkish ha abbandonato la sua carriera nel mondo high-tech della Silicon Valley in cerca di qualcosa di più artigianale. Il risultato: questa panetteria calda e accogliente, iniziata nel 2001 e ora un'istituzione del quartiere, serve bocce e baguette tradizionali in stile europeo cotte nel focolare che i fan dicono rivaleggiare con le migliori a Parigi. Chiaramente, la mossa di carriera ha dato i suoi frutti, con Forkish che ha recentemente ottenuto la sua terza nomination per un prestigioso James Beard Award per Outstanding Pastry Chef. Guarda questo autunno per il suo primo libro, Farina Acqua Lievito Sale: I Fondamenti del Pane e della Pizza Artigianali (Ten Speed ​​Press, settembre 2012). Nel frattempo, se ti trovi in ​​zona, concediti il ​​soulful noce levain di Ken, con la sua mollica a nido d'ape meravigliosamente irregolare e le note di lavanda, o un bel Country Blonde, il suo esterno sottile e croccante che ricopre una pasta madre leggera e sottilmente piccante mollica.

Milo e Olive

Milo e Olive

Santa Monica, California
310/453-6776

I fan stanno già affollando questa piccola panetteria e pizzeria di Santa Monica che ha prodotto i suoi primi pani proprio lo scorso novembre. Gestito dal team di marito e moglie Josh Loeb e Zoe Nathan, i cui vicini ristoranti molto amati Rustic Canyon e Huckleberry Bakery hanno assicurato un seguito immediato, Milo & Olive trabocca di energia giocosa: il posto è stato chiamato per i giovani della coppia figlio e la figlia che un giorno potrebbero avere, e Zoe, addestrata da Tartine, confessa allegramente che l'ispirazione per il suo pane al formaggio nascosto, pieno di parmigiano, Grana Padano, gruviera e cheddar, sono stati i cracker Cheez-It preferiti dall'infanzia. Ma non lasciarti ingannare: la sua baguette multicereali, la squisita brioche allo zucchero alla cannella e il pane alle noci e frutta tempestato di gioielli sono sofisticati come vengono.

Olavatrici

Orwasher’s

New York City
212/288-6569

Anche le offerte più recenti di questa panetteria di 86 anni sono saldamente radicate nel passato. La linea di pani artigianali al vino di Orwasher, lanciata nel 2008 dal nuovo proprietario Keith Cohen, si basa su ricette francesi secolari che utilizzano il lievito dell'uva fermentata. Naturalmente, il negozio dell'Upper East Side serve ancora i preferiti cotti al forno in mattoni che sono stati perfezionati dalla famiglia Orwasher (i proprietari originali) come il Jewish Rye e il Pumpernickel - storie commestibili per l'esperienza degli immigrati dell'Europa orientale.

Pain D’Avignone

Long Island City, New York
718/729-6832
(non aperto al pubblico)

Non importa quanti ristoranti e mercati chiedono a gran voce il loro pane, la troupe del Pain D’Avignon si rifiuta di tagliare gli angoli. I panettieri dell'operazione di 12 anni di Long Island City lavorano fianco a fianco, tagliando e modellando l'impasto a mano prima di lasciarlo fermentare lentamente en couche – in un panno che sostiene l'impasto durante la lievitazione e impedisce che si secchi . Ma mentre l'impasto è il tour de force della linea di prodotti del Pain D’Avignon, ingredienti inebrianti come rosmarino fresco, semi di cumino, mirtilli rossi e noci pecan sono fantastici attori di supporto.

Panetteria Sette Stelle

Providence, Rhode Island
401/521-2200

I panettieri/proprietari Jim e Lynn Williams hanno iniziato a prendersi cura dei loro antipasti di grano integrale e segale a lievitazione naturale mesi prima di aprire la loro panetteria all'inizio del 2001, e continuano a dedicarsi alle cure di un genitore per i loro antipasti per mantenerli giovani e sani per pane dal sapore eccezionale e salire e solo il più lieve sapore. Da allora la coppia ha ampliato le operazioni per includere tre sedi intorno a Providence, una sul sito del vecchio impianto di lievito per polvere di Rumford, ora monumento storico nazionale della chimica. Ci piacciono particolarmente la segale francese, la noce tostata e l'uva passa e la gommosa Olive Batard, cosparsa di minuscole olive marocchine sott'olio e di Kalamatas paffute e salmastre, l'essenza del Mediterraneo sotto forma di pane.

Via Sullivan

Sullivan Street Bakery

New York City
212/265-5580

L'innovatore la cui ricetta del pane senza impasto è diventata un New York Times sensazione nel 2006 e che inventa nomi di pane - truccione , cruccolo, doni - che assumono rapidamente la patina dell'autenticità, Jim Lahey incarna anche un classicismo di ritorno alle origini che premia abilità, ripetizione e artigianalità, proprio come i suoi pani e le sue attività continuare ad evolversi. Loda il movimento della farina locale e ricerca i lieviti esotici, ma alla fine, dice, "è il primato del pane, nutrire qualcuno, che conta davvero". salato Truccione Sare, una pasta madre rustica con segni di taglio profondi e accattivanti e una crosta molto carbonizzata e croccante, e assapora quella sensazione primordiale.

La Fattoria

Cary, Carolina del Nord
919/657-0657

Sai come si dice, puoi portare il fornaio fuori dalla Francia ma non puoi portare i francesi fuori dal fornaio. Questo è certamente il caso del parigino Lionel Vatinet. Ha lasciato la sua gilda francese di panificazione per viaggiare per il mondo e alla fine si è stabilito in un sobborgo di Raleigh, NC, dove ha aperto La Farm con la sua futura moglie, Missy. La Farm riflette le tradizioni di cottura che Vatinet ha appreso durante i suoi sette anni di mandato con la prestigiosa corporazione, Les Compagnons du Devoir: l'impasto è realizzato con un lievito madre naturale e farine non sbiancate prima di essere cotto in un forno a focolare in stile europeo. "Volevo far conoscere alle persone del quartiere il pane croccante e fatto a mano", ha detto Vatinet. Ma gli piace sperimentare con pani influenzati a livello internazionale, come il coinvolgente pane al parmigiano di Asiago. “Siamo una panetteria francese con la creatività dello spirito americano,” Vatinet.

Azienda di panificazione standard

Portland, Maine
207/773-2112

C'è spesso una lunga fila in questa panetteria di 17 anni situata all'interno di un magazzino di mattoni, ma potrebbe non essere una cosa così negativa l'attesa dà ai clienti il ​​tempo di inalare il profumo del pane appena sfornato ed ecco i cestini di vimini ripieni fino all'orlo di splendide pagnotte. I co-proprietari Matt James e Alison Pray, marito e moglie, hanno modellato la Standard Baking Company sui panifici di quartiere di Francia e Italia, e pane come il Rustic Loaf spolverato di farina e la Focaccia al rosmarino sono le incarnazioni commestibili delle loro influenze.

Tartine Bakery & Cafe

San Francisco, California
415/487-2600

Il fenomeno del Mission District di Elisabeth Prueitt e Chad Robertson è il gold standard della città per il pane biologico impeccabile. Le pagnotte cotte nel focolare di pietra hanno generato un menu da caffè di panini preparati ad arte, ma il pane acquistato disadorno è ancora il modo migliore per sperimentare il modo di Robertson con farina, sale, acqua e lievito selvatico. Il suo capolavoro è il Country Loaf, che ha sviluppato e perfezionato nel corso di due decenni. Il processo richiede 24 ore e i fedelissimi di Tartine fanno la fila per acquistare questo pane fondamentale quando viene servito fresco di forno dopo le 17:00 dal mercoledì alla domenica. Il Country Loaf è disponibile con noci, olive o semi di sesamo, ma i puristi lo preferiscono puro e semplice.


10 dei panifici per torte nuziali più popolari in America

Una ragazza single può organizzare una degustazione di torte? Chiedere un amico.

Una buona torta può far dimenticare agli ospiti qualsiasi altro potenziale incidente di pasto e vassoi di antipasto avari, pollo secco, un bancone in contanti e mdash, quindi una panetteria di prim'ordine è importante. WeddingWire ha esaminato la sua rete di venditori di matrimoni locali per trovare alcuni dei migliori nel paese. Spose e futuri mariti: ecco dieci da tenere sul radar.

Non dimenticare di appuntarlo per dopo!

La fornaia qui ha un background in chimica e l'ha usata per inventare le torte più deliziose della città. Puoi scegliere tra uno dei 34 gusti per nasconderti dietro i design affascinanti.

Kristen Repa, capo pasticcere di Dessert Works, si è formata nella città amante dei dolci di Vienna, in Austria, prima di tornare in Massachusetts. Lì ha preparato torte per l'ex presidente Bill Clinton, Joe Perry degli Aerosmith e la famiglia Kennedy. Ogni coppia ha la certezza di trovare una torta che si adatti al conto: il panificio farà versioni vegane, senza glutine e senza latticini.

Se pensi che le torte nuziali di Bittersweet Pastry Shop siano impressionanti, dovresti vedere i loro dolci tavoli. Le coppie possono decorarli con crostate, torte, mousse e mini torte.

ACQUISTA: Love Cake Topper, $ 20 amazon.com

Questa panetteria è un punto fermo di Dallas da oltre 70 anni e i clienti lo adorano per la sua creatività. Ogni torta è fatta da zero, quindi i fornai possono creare qualsiasi gusto personalizzato desideri.

Ogni stagione introduce un menu di gusti di torta diverso, che puoi controllare qui. Le spose estive possono gustare una torta alla vaniglia con crema al limone e burro alla fragola, mentre le coppie invernali possono assaporare una fetta di torta di zucca con mirtilli canditi e crema al burro alla cannella.

La proprietaria Nadine Moon potrebbe riempire lo schermo del tuo computer con la sua lista di successi: le sue torte sono state presentate su Food Network e TLC e ne ha realizzate di personalizzate per Matthew McConaughey, Elton John, Charles Barkley e Michael Jordan. La sua specialità sono le torte extra-alte che torreggiano sopra la coppia felice.

Torte Geode, torte nude, torte di corteccia d'albero e non c'è una tendenza che questa pasticceria non abbia affrontato. Il suo nome è un cenno al gusto di torta più amato da tutti e anche al fatto che i fornai usano i baccelli di vaniglia del Madagascar in tutti i loro dolci.

Lo chef del Butterfly Bakeshop viene da Bogotà, in Colombia, e i suoi disegni di torte sono colorati come il suo paese d'origine. Puoi fargli sognare qualcosa di personalizzato per te o scegliere una base, finiture e design extra dal suo menu à la carte.

La seconda generazione di pasticceri ha appena rilevato questo panificio a conduzione familiare, ma ciò non ha rallentato gli affari. Il Master's Baker sforna ogni anno 1.500 torte nuziali personalizzate, oltre a tavoli per cupcake e mini dessert.

Kelly O'Brien ha fatto tutto: è stata una cuoca di linea, una pasticcera, una chef di una confraternita e ora chef e cake designer di Glass Slipper Gourmet. È tutta una questione di dettagli, con una pagina Pinterest da cui i clienti possono trarre ispirazione e supporti per torte realizzati su ordinazione per completare il look nel loro grande giorno.


Le 50 migliori panetterie d'America

Le parole &ldquoappena sfornato&rdquo ti fanno venire la pelle d'oca? La cena non è cena senza un biscotto alla fine? Fai la strada più lunga per tornare a casa per prendere una ciambella segreta dopo il lavoro? Sì, lo pensavamo. Abbiamo chiesto ai nostri amici di Yelp di aiutarci a trovare le 50 migliori panetterie in tutto il paese. Perché non importa in quale stato ti trovi, dovresti sapere dove puoi trovare una focaccia di prim'ordine.


Le migliori panetterie d'America

8. Amy's Bread, New York City: Amy's consegna pane a più di 200 clienti all'ingrosso al giorno, ma tre sedi rimangono anche panetterie al dettaglio, offrendo ai newyorkesi un assaggio di pane artigianale prodotto attraverso una lenta fermentazione e metodi di cottura tradizionali. Prova la semola con uvetta dorata e finocchio (il loro pane d'autore), twist di olive nere, baguette e miche biologiche. Il panificio cuoce anche torte a strati vecchio stile come torta alla crema di cocco, cupcakes, biscotti, biscotti, barrette di anacardi al burro, focaccine d'avena, muffin alla crusca di banana e noci, croissant e altro, soddisfacendo sia gli appassionati di pane che gli amanti della torta. (Foto: il pane di Amy)

Quando si tratta di pane e pasticcini, gli americani sono benedetti con opzioni quasi illimitate. Con oltre 6.000 panifici al dettaglio negli Stati Uniti, c'è un'ampia varietà tra cui scegliere. Alcuni sono specializzati in pane, altri vendono dolci e alcuni vendono entrambi, e anche questi panifici variano in base alla cucina. Per determinare il meglio del meglio, The Daily Meal ha dato un'occhiata a più di 1.400 panifici nella nostra ricerca per trovare i migliori panifici d'America.

Dai negozi a conduzione familiare alle catene di fascia alta, dalle specialità americane alle pasticcerie francesi, dalle panetterie artigianali alle pasticcerie, abbiamo preso in considerazione tutti i diversi tipi di panetterie mentre cercavamo il meglio d'America. Sebbene alcune panetterie cuociano solo pane o solo pasticcini (in Francia, ad esempio, andresti in una pasticceria per il tuo pasticcino e in una boulangerie per la tua baguette quotidiana), abbiamo deciso di incorporare entrambi i tipi di panetterie nella nostra ricerca. Sebbene non fosse necessario per i panifici servire entrambi, quelli che lo facevano ricevevano punti extra. Abbiamo anche preso in considerazione l'originalità delle panetterie, da quanto tempo esistono, se hanno chef famosi e pluripremiati, se fanno tutti i loro prodotti da forno da zero e il loro fattore di eccitazione.

Quindi cosa, esattamente, rende grande una panetteria? Abbiamo contattato alcuni dei principali fornai e pasticceri americani per vedere cosa avevano da dire. "Se ti definisci un fornaio e metà degli articoli che vendi sono in outsourcing o da miscele preconfezionate, probabilmente non lo stai facendo con lo spirito che classificherei come un ottimo panificio", Roy Shvartzapel, uno dei top 2013 di Dessert Professional 10 pasticceri in America, ha detto al Daily Meal. "Rimani fedele al mestiere." Shvartzapel, che ha recentemente aperto Common Bond, un caffè-panetteria a Houston, aggiunge che le panetterie sono pensate per essere un "luogo in cui gli ospiti vengono per coinvolgere tutti i sensi".

Il famoso pasticcere François Payard concorda sul fatto che "l'atmosfera e il sentimento" sono entrambi importanti per il successo di una panetteria. "Dovresti sentire l'odore del pane e di altri prodotti da forno", ci ha detto. "Il pane è davvero ciò che rende un ottimo panificio per me, così come una buona varietà di prodotti sia dolci che salati."

Anche le panetterie eccezionali sono coerenti. "Un eccellente panificio serve costantemente ottimi prodotti", ci ha detto Andy Chlebana, membro del Pastry Team USA 2012 e un altro dei 10 migliori pasticceri dell'anno di Dessert Professional. "Sai cosa otterrai e non importa cosa sia, non rimani mai deluso."

Come metro di giudizio con cui giudicare un panificio, pasticcere e food writer Ed Morita prova il croissant ogni volta che ne visita uno per la prima volta. "Se il croissant è friabile, di solito è un buon indicatore che l'attenzione ai dettagli si trasferisce nelle altre aree della panetteria", ha detto. Oltre alla qualità complessiva del prodotto, anche le "specialità eccezionali" e il "buon servizio" sono importanti, ci ha detto l'editorialista di Serious Eats Kathy YL Chan.

Che tu abbia voglia di biscotti con gocce di cioccolato vecchio stile, pane appena sfornato, pain au chocolat a scaglie, torte appetitose o crostate alla frutta, le nostre migliori panetterie in America hanno qualcosa per tutti i gusti.

1. Panetteria Tartine, San Francisco

Tartine è emersa come la migliore pasticceria di quest'anno e ci sono buone ragioni per cui. Il panificio, aperto dagli chef Elisabeth Prueitt e Chad Robertson, vincitori del premio James Beard, nel 2002, eccelle sia per il pane che per i dolci. Il loro pane, disponibile in pianura o con noci, semi di sesamo o olive, è fatto con farine biologiche macinate localmente e sale marino e cotto su un focolare di pietra. Tartine abbraccia il suo senso del luogo, utilizzando prodotti locali per creare deliziosi pasticcini come i panini mattutini e le crostate alla crema di banana. La pasticceria rimane un gioiello locale, e chi non può visitarla subito può provare le ricette dei due libri di cucina, Tartine e Pane Tartine.

2. Dominique Ansel, New York City

Siamo lieti che Dominique Ansel, ex chef pasticcere esecutivo di Daniel, abbia lasciato il ristorante per aprire la sua omonima panetteria a SoHo, a New York, due anni fa. Il pluripremiato chef è il creatore dell'ambitissimo Cronut, che ha ispirato molti imitatori di Cronut in tutto il mondo, ma non è una meraviglia. Gli altri suoi dolci sono di prim'ordine e vengono cotti in piccoli lotti durante il giorno, e la creatività di Ansel ha portato il suo panificio in cima alla nostra lista. Non puoi sbagliare con nessun articolo, ma ti consigliamo DKA (Kouign Amann di Dominique), madeleine su ordinazione, Paris Brest di ispirazione newyorkese, pane al latte alla Nutella e s'mores surgelati su ordinazione. "Devi soddisfare i tuoi clienti e aiutarli a sognare un po' con i dessert", ci ha detto Ansel.

3. Panetteria con farina + caffè, Boston

È difficile non essere d'accordo con il motto "mangia il dessert prima" di Flour Bakery quando si tratta di pane appena sfornato, pasticcini, biscotti, crostate e altro ancora. La proprietaria e pasticcera Joanne Chang ha portato il comfort food americano a un livello superiore dal 2000, con panini appiccicosi così buoni da battere quelli di Bobby Flay in un episodio di Throwdown con Bobby Flay, torte al lemon curd con confettura di lamponi, barrette di muesli, crostate della Via Lattea e cupcakes al cioccolato con Crispy Magic Frosting. Il pane alla banana del panificio o la brioche con uvetta sono ottimi spuntini mattutini, soprattutto se serviti con una tazza di caffè fumante durante i freddi inverni del New England.

4. The Standard Baking Company, Portland, Maine

La Standard Baking Company nel centro di Portland è un paradiso per gli amanti del pane. I proprietari Allison Bray e Matt James preparano un'ampia varietà di pane, tra cui focaccia al rosmarino, pain de mie, brioche, boules e pane epi. Molti ordinano panini mattutini, ma sono popolari anche i croissant, che sono disponibili in mandorle, cioccolato, semplici e prosciutto e formaggio.

5. Macrina Bakery, Seattle

La chef Leslie Mackie ha aperto Macrina nel 1993 e la sua panetteria è diventata il punto di riferimento di Seattle per il pane rustico artigianale. Il pane Macrina Casera completa ogni pasto e il loro popolare pane rustico di patate è disponibile in pagnotte, panini e baguette. As for non-bread items, Macrina's Whisper Cake, a white chocolate cake with lemon curd, whipped cream, raspberry layers and white chocolate cream cheese frosting, is worth a visit, as is their red velvet cake. Their pastry selection features dozens of baked goods, including apple turnovers made with roasted Washington apples, buttermilk biscuits topped with strawberry or marionberry jam, and lemon sour cherry coffeecake.

6. Levain Bakery, New York City

In New York City's Upper West Side, Levain Bakery attracts locals and tourists alike with their famous 6-ounce chocolate chip walnut cookie, which has a crispy exterior and a gooey and chewy interior and is one of the most decadent things you'll ever eat. Other baked-in-house cookies include dark chocolate chocolate chip, oatmeal raisin and dark chocolate peanut butter chip, but Levain also has a fair selection of bread, from Valrhona chocolate rolls to baguettes to whole-wheat walnut raisin rolls.

7. Salty Tart, Minneapolis

Located in the Twin Cities' Midtown Global Market, Salty Tart has been serving sweets and savories for the past five years. Chef Michelle Gayer is known for her "crack-a-roons," or coconut macaroons, which Andrew Zimmern deemed better than his mom's. The bakery also sells brioche rolls, which are filled with vanilla bean pastry cream, twice-baked ham and cheese croissants, rosemary corn cakes and their famous cheddar jalapeño bread. You'll find a good selection of cakes, cupcakes, cookies, seasonal pastries and tarts — there's not much more you could ask for.

8. Amy's Bread, New York City

Amy's Bread, which first opened in 1992 in New York City's Hell's Kitchen, has two other locations, in Chelsea Market and the Village. The bakery delivers bread to more than 200 wholesale customers per day, but the three locations remain retail bakeries as well, giving New Yorkers a taste of handcrafted breads that are made through slow fermentation and traditional baking methods. Try the semolina with golden raisins and fennel (their signature bread), black olive twists, baguettes and organic miche. The bakery also bakes old-fashioned layer cakes like coconut cream cake, cupcakes, cookies, biscotti, butterscotch cashew bars, oat scones, banana bran and walnut muffins, croissants and more, satisfying both bread enthusiasts and cake lovers.

9. Porto's Bakery, Los Angeles

Porto's Bakery offers quality Cuban cakes as well as their popular cream cheese pastry rolls, guava and cream cheese puff pastries and potato balls, which are fried mashed potatoes filled with seasoned ground beef. The bakery, with its wide selection of cakes, pastries, sandwiches and breads, has been a family-owned business since 1975. In the 1990s, Porto's expanded their production selection with European-style goods, building upon the original selection of Cuban pastries. The quality and variety of their baked goods make Porto's a thriving establishment in Southern California and one of America's best bakeries.

10. Pearl Bakery, Portland, Ore.

Portland's Pearl Bakery started small in 1997, but soon gained national acclaim for their breads and pastries. The bakery continues to make their baked goods by hand, using organic, local ingredients whenever possible. Pugliese, their signature bread, is holey with a chewy crust. The bakery uses several leavening methods, which is why you'll find a wide range of breads, including wheat levain, paesanao, fig anise panini, multigrain boule, batard and Pullman loaf. Their pastry selection features breakfast items like brioche, cornmeal pound cake, Irish soda bread and chocolate croissants, small treats ranging from snickerdoodles to Parisian macarons, and larger treats like traditional layer cakes and tarts. Pearl Bakery also sells handmade bonbons and chocolate bars made from single-origin chocolate. Quite an impressive array!

11. Three Brothers Bakery, Houston

Three Brothers Bakery serves savory Eastern European-style breads, like rye bread, Danishes, cheese pockets, Kaiser rolls, bialys, onion boards and more. Their challah is so popular that it quickly sells out during Jewish holidays. The bakery, created by the three Jucker brothers, who all survived the Holocaust, opened in Houston in 1949. Today, the bakery is run by a fifth-generation Jucker baker, who sells other treats like chocolate fudge pecan pie, almond sticks, bobka chocolate coffee cake and their famous gingerbread cookies, which have been baked with the same recipe since 1960.

12. Kiedrowski's Bakery, Amherst, Ohio

Kiedrowski's Bakery is meant to evoke memories of eating grandma's baked goods, and at the shop you'll find comfort foods like chocolate turtles, rockslide brownies, apple turnovers, Bavarian cream-filled donuts and maple bacon cream sticks. Kiedrowski's is known for its trademarked Snoogle, which is a lady locks cookie and cheese Danish hybrid that's shaped into a stick and filled with cream. What started as a happy accident of having leftover lady locks and Danish ingredients turned into their best-selling item. And be sure to pick up some cinnamon apple raisin bread on the way home.

13. Ken's Artisan Bakery, Portland, Ore.

At Ken's Artisan Bakery, expect top-quality breads like country brown, baguette, pain rustique and raisin pecan. Portland's James Beard-nominated chef Ken Forkish also makes buttery croissants with local berries and hazelnut cream, brioche cinnamon rolls, canneles, seasonal fruit tarts and hazelnut butter cookies, bringing us a blend of French and American baked goods.

14. Maison Kayser, New York City

French chef Eric Kayser opened Maison Kayser in Paris back in 1996, and he now has more than 100 bakeries around the world in 13 countries, with all the U.S. locations currently located in New York City. The breads are baked on-site at each bakery using liquid leaven, a mixture of water and flour fermented at a certain temperature. Their pastries alone are worth a visit, especially their moist madeleines, pistachio financiers, brioche and croissants. An excellent bakery needs "excellent products . produced by selecting the best ingredients which are transformed by bakers and pastry chefs who have a strong know-how," chef Kayser tells us, and we think Maison Kayser certainly meets the standards.

15. Liliha Bakery, Honolulu

Liliha Bakery opened in 1950, selling butter rolls, glazed donuts, dobash (chocolate) and haupia (coconut) cake and more to Hawaii's community. Liliha is known for its coco puff, which debuted in 1970 with not much success, but made a comeback in 1990 when now-retired baker Kame Ikemura tweaked the recipe. The coco puff, one of the bakery's most popular items, is filled with chocolate pudding and topped with Hawaiian chantilly cream. The bakers crank up the oven and bake everything from scratch from 2 a.m. to 10 p.m. every day, making Liliha not only a local favorite but also a must-visit destination when you're in Hawaii.

16. Floriole Bakery, Chicago

At Floriole, you'll find critically acclaimed bread and pastries. The bakery sells baguettes, sourdough and miche, though you definitely want to try their yeasted cornbread when it's baked on Tuesdays and Fridays. The cornbread is as light as sandwich bread and is made with local cornmeal and honey. Floriole's fudgy brownies are made with Valrhona triple chocolate, and their almond crème croissant and fruit galette are also worth a try.

17. Clear Flour Bread, Brookline, Mass.

Clear Flour Bread, a bakery just outside of Boston, does Italian and French bread the old-fashioned way: made from scratch and shaped by hand, and baked in a stone hearth, without dough conditioners and preservatives. The bakery has been around for more than 30 years, and their baguettes, boules and batards speak for themselves. Their award-winning morning buns taste of cinnamon and come with or without walnuts, and their croissants, cranberry currant scones and molasses cookies have customers lining up all the way out the door on the weekends.

18. Bien Cuit, New York City

With locations in Brooklyn and the West Village, Bien Cuit offers breads that are made with local flours and a small-batch mixing method, making it easier for bakers to control the fermentation process and bring customers great quality products. Their breads show the nuanced flavors that emerge due to the bakery's use of the slow fermentation process, which takes 16 to 68 hours. Their miche, for example, has a blend of rye and wheat flours and is fermented for 68 hours, while the milk and honey bread undergoes a 24-hour milk-based fermentation. And their pastry selection has a blend of French and American choices, from the chocolate almond croissant (baked twice with brandy) to salted chocolate buckwheat cookies to a blueberry and lemon meringue tart with a basil infusion.

19. Balthazar Bakery, New York City

Balthazar Bakery, located on SoHo's Spring Street, is small but packed with breads and pastries. The shelves are stocked with baguettes, pain au levain, ciabatta, brioche, Valrhona chocolate roundels, potato onion slabs, dinner rolls and more. On the sweeter side, the bakery also has croissants, pain au chocolat, shortbread cookies and cinnamon sugar donuts, to name a few of their tasty selections.

20. El Brazo Fuerte Bakery, Miami

Miami's El Brazo Fuerte Bakery has been serving Cuban bread, Cuban pastelitos (flavors include cheese, guava, beef, and guava and cheese) and cakes for more than three decades. Fresh pastries like key lime tarts and napoleons come fresh out of the oven during the day, and for those who want a filling savory snack, their popular ham or chicken croquettes may do the trick.

21. François Payard Bakery, New York City

Award-winning pastry chef François Payard has three François Payard Bakery locations throughout the city, making it easier for New Yorkers to grab chocolate almond croissants in the morning or a loaf of pain de campagne, a country white organic bread, to take home. Payard's signature roulé (rolled) cakes include flavors like Gâteau de Voyage, a vanilla bean and rum pastry cream with Basque and semolina dough, L'Ecureuil, a chocolate and hazelnut mousse with hazelnut cake and biscuit, as well as seasonally changing Gâteau Roulé offerings like orange blossom. Payard's éclairs, which are filled with chocolate custard, make a satisfying afternoon snack, as do his raspberry lychee macarons.


10 Most Popular Desserts in America

Humans have always craved sweet things. Early on, it was all berries and honey, but with the introduction of refined sugar, the dessert was born. The name dessert comes from the French word "desservir" which means "to clear away" -- in this case, the dinner table. Depending on where you are in the world, you'll get a wide variety of the post-meal sweet treats. In China, it might contain red beans or dates. In Mexico, the custard like flan could be on the menu.

In the United States, the sweeter the dessert is, the better. We may not have invented all (or even most) of the desserts we're known for, but we've certainly put our own spin on a wide variety of foreign classics -- so much so that some of the most popular desserts have become synonymous with the United States. Just the words "apple pie" conjure up visions of white picket fences and baseball. So join us for a lip-smacking tour of the most popular desserts the United States has to offer.

Read the next page to learn about America's cheesiest dessert.

Recipes vary, but the key ingredient to this dessert is, not surprisingly, cheese. The most common cheeses in the modern version of cheesecake are cream cheese, cottage cheese, ricotta and Neufchatel. The New York version that's become so famous uses cream cheese along with eggs, cream, sugar and usually a graham cracker crust. While there are a seemingly unlimited number of variations on this classic, New York style cheesecake is served plain with no other ingredients or toppings. Other types of cheesecake are topped with or otherwise contain fruits, cookies, peanut butter and pretty much any other decadent ingredient you can think of.

People looking for a dessert fix but who wish to avoid the temptation of an entire cake need look no further than their local cupcake shop. Such an establishment shouldn't be terribly difficult to find since they've exploded in popularity in recent years, thanks to America's love affair with the individually-sized dessert.

Generally, these locales feature a smorgasbord of cupcake flavors. You can expect to find everything from traditional vanilla or chocolate to the more exotic coffee, lemon or peanut butter varieties. Jelly or cream fillings are an excellent way to add some extra oomph to your dessert -- as well as a few extra calories -- although making specialty cupcakes at home requires a bit of practice. Fortunately, many cupcake recipes can be easily prepared in your own kitchen using a simple muffin pan complete with decorative paper liners.

The current cupcake craze began when Sarah Jessica Parker ate one baked by New York's Magnolia Bakery on "Sex and the City."

There's always room for Jell-O. At least that's what the dessert's famous ad slogan says. Jell-O is actually a brand name, but it's has become synonymous with any kind of gelatin dessert. It's called "America's Most Famous Dessert" and there's an undeniably fun appeal to the jiggling. It's easy to make and there's virtually no cleanup required. All you have to do is add boiling water to the powdered mix and chill for a few hours. It's no wonder it's so popular with moms around the country.

Here's something mom probably never told you -- gelatin is a processed version of collagen, a natural protein found in the tendons, ligaments and tissues of mammals. It's made by boiling the connective tissues, bones and skins of animals. For Jell-O, it usually comes from cows and pig bones and hooves. Take that powdered gelatin, add some artificial sweetener and food coloring, and you have a very popular dessert. Chalk one up for the advertising business.

Ah, carrot cake. Not only is it equal parts creamy and delicious, it's also quite possibly the best dessert to choose when you want to fool yourself into thinking you're being healthy. Carrots are good for you, so carrot cake can't be too bad, right? Well, not so much.

Made popular in the U.S. in the mid-20th century, carrot cake is a delightful blend of sweet and spicy cake rounded out with cream cheese frosting (made from cream cheese, butter, powdered sugar and vanilla extract). Like many other desserts, carrot cake can be made using a traditional recipe or dressed up with extras like macadamia nuts, pineapple and coconut.

Of course, if fat and calories are a concern, carrot cake can be easily lightened up by making a few simple adjustments, such as reducing the amount of sugar and oil, while adding crushed pineapple to preserve moistness. Still, no matter what you do, calling carrot cake a healthy dessert will be a stretch, but it'll always be tasty.

Orange is the color most of us think of when we consider carrots, but they also come in yellow, purple, white and red varieties.

Nothing says America like baseball, hot dogs and apple pie. But apple pie wasn't born in the United States.

Apple pies or tarts date all the way back to Europe in the 14th century. The first apple pie recipes are from 1390, and they used honey in place of the seldom-used sugar. In the 1700s, the pie became pretty popular in the United Kingdom and was brought over to the new American colonies. Apple pie was regularly found in American cookbooks in the 18th century, but the famous ala mode version, topped with vanilla ice cream, didn't come into fashion until the 19th century in New York.

Because of the "red, white and blue" connotations, you can find apple pie on picnic tables all over the country every 4th of July when Americans celebrate their independence from England. The two most popular versions of the dessert are the traditional flakey crust variety and the Dutch, or crumb, apple pie. Most folks prefer it fresh and warm from the oven, but frozen apple pies are big sellers as well -- just ask Sara Lee.

The birthplace of ice cream isn't certain, but food historians generally credit it to the Chinese and the flavored ices they enjoyed as far back as 3000 B.C. Marco Polo is believed to be the man responsible for bringing the idea to Italy, where the modern ice cream we enjoy today was born in the 17th century. The first ice cream recipe in the United States is thought to be from the 1792 cookbook "The New Art of Cookery, According to the Present Practice."

The invention of the hand-crank ice cream maker in 1843 allowed people to make it themselves, and homemade ice cream remains a popular dessert for American families today.

Many flavors have come and gone over the years, but none rocked the ice cream world like Cookies N' Cream in 1983 and Chocolate Chip Cookie Dough in 1991. Both of those flavors quickly found their way into the top 10 favorites and have been there ever since. Of course, there's plenty of other, more unique flavors for those with adventures pallets!

Served piping hot or at room temperature, made from scratch or from a mix, brownies are quite possibly one of the most versatile desserts out there, provided you enjoy a significant dose of chocolate. Some brownie connoisseurs prefer their creations to be more cake like, whereas others enjoy a fudgier, moister consistency. In general, how your brownies turnout is influenced by the amount of eggs and fat (found in butter or cooking oil) used in the recipe, as well as how long you bake them for.

Brownies can also be tailor-made to suit your taste buds. The traditional chocolate variety is a classic, enjoyable option, but some aspiring chefs prefer to include other ingredients to add some extra zing to the mix. For example, cream cheese, peanut butter or chocolate chips, coffee, white chocolate and icing are all popular add-ins. Those with truly exotic tastes might even elect to experiment with spices, salt, pepper or even dried herbs.

For cookie lovers, rarely is there a recipe more beloved than the classic chocolate chip variety. The mixture of cookie and those delicious semi-sweet chocolate morsels is indescribably good. Served fresh out of the oven or completely cooled, chocolate chip cookies are a treat that's just sweet enough without overdoing it in terms of richness. If you enjoy a little extra texture and contrast, simply serve your cookies with a scoop or two of vanilla ice cream, or try topping your creations with chocolate icing.

Many bakers indulge in raw cookie dough during the cooking process. Unfortunately, it's a prime breeding ground for food borne illness such as salmonella and E. coli, so it's best to stick to baked cookies and forgo the dough.

It's believed that the first chocolate cake was baked in 1674 as a vehicle to enjoy chocolate, a new delicacy at the time. While it's extremely popular in the United States thanks to its inclusion at birthday parties, it's also considered the most liked cake in the entire world.

When most people hear the words German chocolate cake, two things happen -- their mouths water and they thank Germany for its contribution to the dessert cart. What many people may not know is that German chocolate cake has nothing to do with the European country. Its named comes from the inventor of the recipe, a Texan named Sam German. He concocted the famous dessert in the late 1800s, but it didn't explode in popularity until the 1950s.

The only problem with fudge is that it's nearly impossible to eat just a square or two. In the world of fudge, there's a flavor for everyone. Traditionalists can stick with the white, milk or dark chocolate versions, while nut enthusiasts might opt to choose a recipe that incorporates walnuts or macadamia nuts for a little extra crunch.

The best part about this treat is that it's shockingly easy to whip up, even for children. Plus, fudge makes an excellent gift for any occasion. If you've never had the pleasure of sampling homemade fudge, give it a try so that you'll forever understand why this rich sweet has captivated American dessert-lovers for more than 100 years.

According to legend, fudge candy is the welcome by-product of a batch of caramel gone wrong. Apparently, said caramel was not stirred adequately, causing the batter to thicken up into a more fudge like consistency.


Love Jewish food? Sign up for our Nosher recipe newsletter!

100 years ago, American cities were teeming with bakeries, many of them Jewish-owned. You can still find some of these classic bakery counters in certain corners of the US, and they’re truly worth a visit. What’s more, with renewed interest in made from-scratch baked goods, some of the best Jewish bakeries today aren’t more than 10 years old.

We knew we couldn’t make this list alone, so we asked our fellow foodie friends and fellow bakery-lovers to share their favorites with us. We sifted through their thoughtful recommendations to find the best 11. Let us know if you’d like to see your favorite on the list — we’re always looking for recommendations!

Zak The Baker, Miami

This rainbow-painted bakery and deli makes fresh breads and pastries daily, and offers a kosher and locally-sourced deli menu. It smokes local fish, make trays full of challahs for Shabbat (sold Friday at noon) and is always trying something new!

Breads Bakery, NYC

Israeli baker Uri Scheft and his talented NYC-based team opened Breads Bakery in 2013, becoming famous for what many call the best babka in NYC — which is made with croissant-like dough and swirled with Nutella. The bakery also makes intricately braided challahs (watch the how-to video we made together!) and sweet and savory hamantaschen for Purim. Buy a loaf of bread and then head across the street to the farmer’s market for the perfect cheeses and fruits to pair with it.

Mansoura Bakery, Brooklyn

Mansoura Bakery is the best place for Sephardic Jewish favorites like baklava, kataifi, ma’amoul and basbousa. The family business began hundreds of years ago in Syria, where it was known as the best bakery in Aleppo. In 1961, it opened its doors in Brooklyn after living in Egypt and Paris (read the whole story on Mansoura’s website!). Today, Mansoura bakers still roll out phyllo by hand, and rumor has it that their baklava has 70 layers. Try it — it’s truly life-changing.

Ostrovitsky’s Bakery, Brooklyn

This old-school, kosher bakery counter is one that Brooklynites have been visiting for generations. At Ostrovitsky’s, you can find babkas, challahs, rugelach, hamantaschen for Purim, and sufganiyot (jelly donuts) for Hanukkah.

Chocolate #babka (I already want more)

A post shared by Peggy Gertner (@pegertner) on May 8, 2016 at 2:29pm PDT

Oneg Heimische Bakery, Brooklyn

Head off the beaten Williamsburg trail and wander south down Lee Avenue to take in the sights and sounds of the mom-and-pop shops that line this busy corridor of Hasidic Williamsburg. Oneg Heimische Bakery is known by many for making the best babka in Brooklyn. It’s intricately swirled and filled with dark chocolate in every bite.

from Butterflake.com

Butterflake Bakery, Teaneck, NJ

This old-school bakery has been a kosher standard for decades. Its lemon chiffon cake, meltaways and challah (braided and twisted into intricate shapes) are not to miss.

Tatte Bakery, Boston

Tatte Bakery is one of the “new school” bakeries on the list, which pushes the bakery menu into more innovative, multicultural directions. There’s hand-rolled Jerusalem bagels (with an egg baked into the middle!), glazed pistachio-filled tartlets, pistachio-filled croissants, challah and shakshuka. Take your time noshing in one of their beautifully designed cafes, or take a loaf to go!

Image from Star Bakery’s Google.com profile

Star Bakery, Southfield, MI

Star Bakery has been a Detroit-area favorite since 1915. This might be one of the only places where you can find kichel, a pastry made of egg, flour and sugar that’s baked until puffed. They’re crunchy and sweet and can be eaten as a cookie, or served savory-style with pickled herring.

Three Brothers Bakery, Houston, TX

This old-school bakery might be based in Houston but its roots are in 19th-century Chrzanow, Poland, where the original family bakery was founded. The three Jucker brothers grew up in the 1930s helping out with the family business until the family was sent to a concentration camp in 1941. The three brothers were miraculously liberated in 1945, and they opened their Houston bakery exactly four years later. Today, the bakery still makes traditional Polish Jewish cookies, breads and pastries, which are generally less sweet than American baked goods. Its rye bread is a must-try.

Canter’s Bakery, LA

Since 1931, Canter’s has been perhaps one of the busiest Jewish bakery counters (and deli!) in the US. Twice a day, it bakes babka, apple strudel, sour cream coffeecakes, rugelach, mandelbrot, black-and-white cookies, bagels, rye bread, pumpernickel, challah and more. Its chocolate chip rugelach is award-winning.

Family jewels

A post shared by evan (@schwatz_evan) on Oct 29, 2016 at 3:25pm PDT

Schwartz Bakery, Los Angeles

In 1954, Schwartz Bakery became the first kosher bakery in LA. It’s still rolling out poppy seed strudels, challahs, borekas and danishes every day. This old-school institution is not one to miss if you’re in LA. Like Canter’s (above), it balances the sweet things with classic deli sandwiches on (of course) house-made bread.


Banana Oatmeal Muffins

Perfect use of those overripe bananas on the counter, these muffins are moist and delicious. Oatmeal is not only in the batter but also made into a crumble with butter and cinnamon, making for a nice crunchy topping. Enjoy these muffins for breakfast or as an afternoon snack with a cup of coffee.


1. Victoria Sponge Cake (top image)

This beloved British layer cake is a steadfast favourite in homes and tea shops around the country. Apparantly Queen Victoria was particularly partial and some of the earliest recorded recipes date back to 1861. What this simple cake lacks in glamour it makes up for in deliciousness, with a buttery sponge sandwiched together with a decadent layer of jam and lashings of whipped cream. A generous slice is perfect served with a cup of tea, naturally.

Try this fun variation on a theme: Victoria Sandwich Whoopie pie.


N.J.'s 20 best bakeries: The only list you'll ever need

I cannot live without baked goods, and if you're reading this story, I'm guessing you can't either, especially this time of year, when they are must pick-ups for that big family get-together.

Bread, doughnuts, pastries, cakes, cupcakes, cookies -- if they disappeared from the face of the earth, Iɽ move to another planet.

Which is why our latest food showdown -- a search for the state's best bakeries -- had me both excited and fearful.

Excited, because Iɽ spend nearly a solid week eating my favorite food ever.

Fearful, because how would I possibly survive a glaze-galore, sugar-saturated week?

When the going gets tough, the tough reach for another doughnut. Or pastry. Or cookie.

Here are New Jersey's top 20 bakeries and top 25 baked goods, based on last week's field trip -- 40 bakeries in five days -- plus visits to 75+ other bakeries, pastry shops, donut stands, cupcake shops and more in the past few years.

We received thousands of tips for hundreds of places via e-mail, Twitter, Facebook and on nj.com, and it wasn't easy coming up with this list, believe me. As you can see, it's a mix of bakeries, cafes, pastry shops, cupcake stores and farm stands, spanning traditional, French, Italian, Viennese, Portuguese, South American and Middle Eastern influences.

You probably won't agree with many of my picks, so make sure to let me know which of your favorites I left out. The top 20 are listed alphabetically.

When you're finished checking out the story -- and that scrumptious gallery -- take a look at our other recent food showdowns: The New Jersey Pizza Power Rankings a search for the state's best tacos and New Jersey's best mall food.

1. Antoinette Boulangerie, 32 Monmouth St., Red Bank (732) 224-1118. Beautiful hardwood-floored shop with open kitchen and a display case packed with exquisite pastries, tarts and macarons in perfect rows. The executive pastry chef is Gina Roselle Broschart, a former Rutgers gymnast and graduate of the Culinary Institute of America. The coconut macaroons here are pure, simple bite-size coconut bliss.

2. Argentina Bakery, 1611 Bergenline Ave., Union City (201) 601-5801. Ever walk into a bakery and realize just by looking at the cakes and pastries they're going to be good? That was my experience at this tiny shop, where the beautifully-constructed pastries glisten in the display case. Whipped cream, made here, is the key to many of the items. Try the pasta flora, a shredded coconut-topped quince pastry, or the alfajor, white chocolate-topped caramel cookies. Or just about anything else.

Aversa's in Brigantine makes the state's best sticky buns - and great rolls (Peter Genovese I NJ Advance Media for NJ.com)

3. Aversa's Bakery, 3101 Atlantic Ave., Brigantine (609) 264-8880. I have a particular weakness for sticky buns, and this spare bakery just over the bridge from Atlantic City makes the state's best: caramel-gooey, raisin-packed, with great cake. They may make the state's best sandwich bread, too, in the form of the torpedo rolls. Other locations are in Margate, Turnersville and Washington Township.

4. Baker's Treat, 42 Route 12, Flemington (908) 782-3458. I received a ton of recommendations for Factory Fuel Co., a new coffeehouse in the old Stangl Factory in Flemington. Baker's Treat, within walking distance, is better. It is operated by Ability2Work, a nonprofit that trains and employs the developmentally disabled. This may have been the only stop on my field trip last week where everything was excellent: the mocha decadence bar, chocolate ganache brownie macaroons and more. A great stop the next time you're at Liberty Village Premium Outlet, right across the street.

5. Beiler's Bakery, Amish Market at Mullica Hill, 108 Swedesboro Road, Mullica Hill (856) 223-9998. Jersey's Amish markets are irresistible to me: nothing like the sight and smell of fresh-baked pies, breads and cakes, and don't forget the rotisserie chickens. Beiler's is just inside the entrance to this market, and whenever I'm there I head straight for the cinnamon and raisin/cinnamon breads. Inside tip: if you're like me and like to slice your own bread, unsliced loaves are available. Pretty good sticky buns, doughnuts and pies, too.

6. Cafe Pierrot, 212 Main St., Andover (973) 786-6069. Has Cafe Pierrot really been around for 25 years? That surprised even me. Excellent pies, muffins, scones and more in the Andover bakery, a sweet stop on your Andover antique store expedition. Cafe Pierrot's Sparta restaurant serves sandwiches, wraps and salads.

7. Cafe Vienna, 200 Nassau St., Princeton (609) 924-5100. Small, cozy cafe that opened on Princeton's main drag in April. Cakes are made with old family recipes the owner, Anita Waldenberger, grew up in Austria. Recommended: the flourless chocolate cake cheesecake and the strudel, with oodles of apples. Oh, and great coffee, too.

8. Deluxe Italian Bakery, 680 East Clements Bridge Road, Runnemede (856) 939-5000. New Jersey is filled with long-time bakeries cranking out the same tired product this bakery is not one of them. I give you the awesome -- and awesome-sized -- cream-filled doughnuts the filling looks ready to burst out of the pastry and attack you. Elephant ears don't get much respect as a bakery item (with that name, it's no surprise). The ones here -- impossibly light, supremely flaky -- are the best I've had anywhere.