it.mpmn-digital.com
Nuove ricette

Tres Papalote Mezcal arriva a Los Angeles

Tres Papalote Mezcal arriva a Los Angeles


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Gusto morbido e sapore affumicato contraddistinguono questo liquore a base di agave

L'immagine dell'etichetta proviene dalla collezione d'arte di Cheech Marin.

Tres Papalote, a mezcal distillato dalla pianta di agave Wild Cupreata, è ora disponibile in negozi di liquori selezionati a Los Angeles.

Uno dei pochi mezcal prodotti nello stato messicano di Guererro (la maggior parte sono prodotti a Oaxaca), Tres Papalote è prodotto con una pianta selvatica di agave cupreata. Il mosto viene distillato due volte. per ottenere il prodotto finale.

Il design della bottiglia Tres Papalote Mezcal è adattato da una scultura in vetro della collezione d'arte dell'ambasciatore del marchio Cheech Marin. Cheech ha scelto l'immagine "A Dios" perché cattura l'essenza colorata e divertente del mezcal.

Disponibile in bottiglia standard da 750 ml, Tres Papalote è attualmente offerto in due espressioni. Il mezcal di punta, Tres Papalote Mezcal ($ 60), è perfetto per sorseggiare, offrendo eleganti note erbacee e agrumate in primo piano, con un finale affumicato e audace. Per i cocktail, prova Tres Papalote Normal ($ 48) per una bevanda saporita ma equilibrata.

Un modo perfetto per gustare Tres Papalote è in un Mezcal Mule, combinando 1,5 once di Tres Papalote Mezcal e tre quarti di oncia di succo di lime, completandolo con birra allo zenzero e servendolo in una tazza di rame.


Come sbiadire il Mezcal come Cheech Marin

Non c'era nessun legame su giunture condivise o risate tra manciate di Cheetos a casa di Cheech Marin a Malibu, sulla scogliera, quella notte. Piuttosto, era pieno di tacos di strada di La Reyna, conversazioni sulla sua collezione d'arte Chicano privata e cocktail artigianali preparati con il suo nuovo marchio di mezcal, Tres Papalote. Ha fatto davvero molta strada da quando ha guidato un furgone fatto interamente di erba in In fumo.

Anche l'introduzione di Marin al mezcal è stata fantasiosa. Dopo aver denigrato lo spirito quando stava crescendo a Los Angeles ("Sembrava un souvenir che hai ricevuto quando sei andato a TJ"), non ha sviluppato un interesse per questo fino a quando il suo buon amico Chef John Sedlar (Rivera) glielo presentò sotto forma di cocktail bordato di cricket.

“[Sedlar] mi ha convinto, non attraverso colpi diretti ma bevande miste. E questo ha davvero fatto la differenza del mondo", spiega. "È davvero tropicale, aveva un sapore affumicato, peperoncino, e ho pensato: 'Wow, questo è buono!'"

Allo stesso tempo, il suo amico Edward Caan di Riviera Imports, la stessa azienda che ha importato lo scotch Ron Burgundy, stava cercando di creare un prodotto con Marin. Poiché la categoria della tequila era già troppo satura, il ritrovato amore di Marin per il mezcal si è presentato come la direzione da prendere. A parte il fatto che sembrava una grande opportunità - è quello che stanno facendo tutte le celebrità in questi giorni - al comico piaceva l'idea di diventare il volto di una categoria apparentemente senza volto. “Quello che ho pensato è che il mezcal non avesse davvero una faccia. Non aveva identità. E il mezcal sembra essere in aumento", dice.

Ciò che distingue Tres Papalote dalla maggior parte degli altri mezcal, oltre al suo sostegno da celebrità, è che non solo è fatto con l'agave Cupreata che proviene da Guerrero rispetto a Oaxaca, il mezcal è accessibile solo con una sottile fumosità.

Persino Los Angeles l'esperto residente di mezcal della rivista Bill Esparza è piaciuto: "È stata una piacevole sorpresa apprendere che il mezcal di Tres Papalote entra a 46 gradi, nel rispetto della tradizione, ed è una bella ed equilibrata espressione di Guerreran cupreata, o maguey papalote. E come a pocho, avere Cheech come ambasciatore del marchio sigilla l'accordo.

La sua bevibilità era una caratteristica importante da avere secondo Marin che voleva creare un mezcal che piacesse di più al pubblico mainstream. "Non vuoi che il gusto sia molto specifico, molto esoterico che solo gli appassionati possono apprezzare", dice.

Yusef Austin, il mixologist e rappresentante del marchio, ha evidenziato la versatilità dello spirito creando un cocktail leggero e luminoso per l'evento di lancio, piuttosto che il solito cocktail mezcal scuro e intenso. “Si presta molto bene a una pletora di ingredienti diversi. Lo sto usando con sesamo, guava, arancia rossa, foglie di lime Kaffir", dice.

Ma se vuoi davvero bere come Cheech, prepara il suo cocktail preferito a casa. È fondamentalmente una tequila e un tonico con un tocco di limone (un terzo di tequila, due terzi di tonico e un tocco). "Timothy Leary mi ha insegnato quella bevanda", dice, nominando ma no, perché è Cheech Marin. “Lo bevevamo sempre, era un mio buon amico. Immagino che potresti farlo anche con il mezcal.»

Il mezcal Tres Papalote sarà disponibile nel sud della California alla fine di marzo. Liquorama dovrebbe iniziare a spedirlo tra un paio di settimane.


Come sbiadire il Mezcal come Cheech Marin

Non c'era nessun legame su giunture condivise o risate tra manciate di Cheetos a casa di Cheech Marin a Malibu, sulla scogliera, quella notte. Piuttosto, era pieno di tacos di strada di La Reyna, conversazioni sulla sua collezione d'arte Chicano privata e cocktail artigianali preparati con il suo nuovo marchio di mezcal, Tres Papalote. Ha fatto davvero molta strada da quando ha guidato un furgone fatto interamente di erba in In fumo.

Anche l'introduzione di Marin al mezcal è stata fantasiosa. Dopo aver denigrato lo spirito quando stava crescendo a Los Angeles ("Sembrava un souvenir che hai ricevuto quando sei andato a TJ"), non ha sviluppato un interesse per questo fino a quando il suo buon amico Chef John Sedlar (Rivera) glielo presentò sotto forma di cocktail bordato di cricket.

“[Sedlar] mi ha convinto, non attraverso colpi diretti ma bevande miste. E questo ha davvero fatto la differenza del mondo", spiega. "È davvero tropicale, aveva un sapore affumicato, peperoncino, e ho pensato: 'Wow, questo è buono!'"

Allo stesso tempo, il suo amico Edward Caan di Riviera Imports, la stessa azienda che ha importato lo scotch Ron Burgundy, stava cercando di creare un prodotto con Marin. Poiché la categoria della tequila era già troppo satura, il ritrovato amore di Marin per il mezcal si è presentato come la direzione da prendere. A parte il fatto che sembrava una grande opportunità - è quello che stanno facendo tutte le celebrità in questi giorni - al comico piaceva l'idea di diventare il volto di una categoria apparentemente senza volto. “Quello che ho pensato è che il mezcal non avesse davvero una faccia. Non aveva identità. E il mezcal sembra essere in aumento", dice.

Ciò che distingue Tres Papalote dalla maggior parte degli altri mezcal, oltre al suo sostegno da celebrità, è che non solo è fatto con l'agave Cupreata che proviene da Guerrero rispetto a Oaxaca, il mezcal è accessibile solo con una sottile fumosità.

Persino Los Angeles l'esperto residente di mezcal della rivista Bill Esparza è piaciuto: "È stata una piacevole sorpresa apprendere che il mezcal di Tres Papalote entra a 46 gradi, nel rispetto della tradizione, ed è una bella ed equilibrata espressione di Guerreran cupreata, o maguey papalote. E come a pocho, avere Cheech come ambasciatore del marchio sigilla l'accordo.

La sua bevibilità era una caratteristica importante da avere secondo Marin che voleva creare un mezcal che piacesse di più al pubblico mainstream. "Non vuoi che il gusto sia molto specifico, molto esoterico che solo gli appassionati possono apprezzare", dice.

Yusef Austin, il mixologist e rappresentante del marchio, ha evidenziato la versatilità dello spirito creando un cocktail leggero e luminoso per l'evento di lancio, piuttosto che il solito cocktail mezcal scuro e intenso. “Si presta molto bene a una pletora di ingredienti diversi. Lo sto usando con sesamo, guava, arancia rossa, foglie di lime Kaffir", dice.

Ma se vuoi davvero bere come Cheech, prepara il suo cocktail preferito a casa. È fondamentalmente una tequila e un tonico con un tocco di limone (un terzo di tequila, due terzi di tonico e un tocco). "Timothy Leary mi ha insegnato quella bevanda", dice, nominando ma no, perché è Cheech Marin. “Lo bevevamo sempre, era un mio buon amico. Immagino che potresti farlo anche con il mezcal.»

Il mezcal Tres Papalote sarà disponibile nel sud della California alla fine di marzo. Liquorama dovrebbe iniziare a spedirlo tra un paio di settimane.


Come sbiadire il Mezcal come Cheech Marin

Non c'era nessun legame su giunture condivise o risate tra manciate di Cheetos a casa di Cheech Marin a Malibu, sulla scogliera, quella notte. Piuttosto, era pieno di tacos di strada di La Reyna, conversazioni sulla sua collezione d'arte Chicano privata e cocktail artigianali preparati con il suo nuovo marchio di mezcal, Tres Papalote. Ha davvero fatto molta strada da quando ha guidato un furgone fatto interamente di erba in In fumo.

Anche l'introduzione di Marin al mezcal è stata fantasiosa. Dopo aver denigrato lo spirito quando stava crescendo a Los Angeles ("Sembrava un souvenir che hai ricevuto quando sei andato a TJ"), non ha sviluppato un interesse per questo fino a quando il suo buon amico Chef John Sedlar (Rivera) glielo presentò sotto forma di cocktail bordato di cricket.

“[Sedlar] mi ha convinto, non attraverso colpi diretti ma bevande miste. E questo ha davvero fatto la differenza del mondo", spiega. "È davvero tropicale, aveva un sapore affumicato, peperoncino, e ho pensato: 'Wow, questo è buono!'"

Allo stesso tempo, il suo amico Edward Caan di Riviera Imports, la stessa azienda che ha importato lo scotch Ron Burgundy, stava cercando di creare un prodotto con Marin. Poiché la categoria della tequila era già troppo satura, il ritrovato amore di Marin per il mezcal si è presentato come la direzione da prendere. A parte il fatto che sembrava una grande opportunità - è quello che stanno facendo tutte le celebrità in questi giorni - al comico piaceva l'idea di diventare il volto di una categoria apparentemente senza volto. “Quello che ho pensato è che il mezcal non avesse davvero una faccia. Non aveva identità. E il mezcal sembra essere in aumento", dice.

Ciò che distingue Tres Papalote dalla maggior parte degli altri mezcal, oltre al suo sostegno da celebrità, è che non solo è fatto con l'agave Cupreata che proviene da Guerrero rispetto a Oaxaca, il mezcal è accessibile solo con una sottile fumosità.

Persino Los Angeles l'esperto residente di mezcal della rivista Bill Esparza è piaciuto: "È stata una piacevole sorpresa apprendere che il mezcal di Tres Papalote entra a 46 gradi, nel rispetto della tradizione, ed è una bella ed equilibrata espressione di Guerreran cupreata, o maguey papalote. E come a pocho, avere Cheech come ambasciatore del marchio sigilla l'accordo.

La sua bevibilità era una caratteristica importante da avere secondo Marin che voleva creare un mezcal che piacesse di più al grande pubblico. "Non vuoi che il gusto sia molto specifico, molto esoterico che solo gli appassionati possono apprezzare", dice.

Yusef Austin, il mixologist e rappresentante del marchio, ha evidenziato la versatilità dello spirito creando un cocktail leggero e luminoso per l'evento di lancio, piuttosto che il solito cocktail mezcal scuro e intenso. “Si presta molto bene a una pletora di ingredienti diversi. Lo sto usando con sesamo, guava, arancia rossa, foglie di lime Kaffir", dice.

Ma se vuoi davvero bere come Cheech, prepara il suo cocktail preferito a casa. È fondamentalmente una tequila e un tonico con un tocco di limone (un terzo di tequila, due terzi di tonico e un tocco). "Timothy Leary mi ha insegnato quella bevanda", dice, nominando ma non, perché è Cheech Marin. “Lo bevevamo sempre, era un mio buon amico. Immagino che potresti farlo anche con il mezcal.»

Il mezcal Tres Papalote sarà disponibile nel sud della California alla fine di marzo. Liquorama dovrebbe iniziare a spedirlo tra un paio di settimane.


Come sbiadire il Mezcal come Cheech Marin

Non c'era nessun legame su giunture condivise o risate tra manciate di Cheetos a casa di Cheech Marin a Malibu, sulla scogliera, quella notte. Piuttosto, era pieno di tacos di strada di La Reyna, conversazioni sulla sua collezione d'arte Chicano privata e cocktail artigianali preparati con il suo nuovo marchio di mezcal, Tres Papalote. Ha fatto davvero molta strada da quando ha guidato un furgone fatto interamente di erba in In fumo.

Anche l'introduzione di Marin al mezcal è stata fantasiosa. Dopo aver denigrato lo spirito quando stava crescendo a Los Angeles ("Sembrava un souvenir che hai ricevuto quando sei andato a TJ"), non ha sviluppato un interesse per questo fino a quando il suo buon amico Chef John Sedlar (Rivera) glielo presentò sotto forma di cocktail bordato di cricket.

“[Sedlar] mi ha convinto, non attraverso colpi diretti ma bevande miste. E questo ha davvero fatto la differenza del mondo", spiega. "È davvero tropicale, aveva un sapore affumicato, peperoncino, e ho pensato: 'Wow, questo è buono!'"

Allo stesso tempo, il suo amico Edward Caan di Riviera Imports, la stessa azienda che ha importato lo scotch Ron Burgundy, stava cercando di creare un prodotto con Marin. Poiché la categoria della tequila era già troppo satura, il ritrovato amore di Marin per il mezcal si è presentato come la direzione da prendere. A parte il fatto che sembrava una grande opportunità - è quello che stanno facendo tutte le celebrità in questi giorni - al comico piaceva l'idea di diventare il volto di una categoria apparentemente senza volto. “Quello che ho pensato è che il mezcal non avesse davvero una faccia. Non aveva identità. E il mezcal sembra essere in aumento", dice.

Ciò che distingue Tres Papalote dalla maggior parte degli altri mezcal, oltre al suo sostegno da celebrità, è che non solo è fatto con l'agave Cupreata che proviene da Guerrero rispetto a Oaxaca, il mezcal è accessibile solo con una sottile fumosità.

Persino Los Angeles l'esperto residente di mezcal della rivista Bill Esparza è piaciuto: "È stata una piacevole sorpresa apprendere che il mezcal di Tres Papalote entra a 46 gradi, nel rispetto della tradizione, ed è una bella ed equilibrata espressione di Guerreran cupreata, o maguey papalote. E come a pocho, avere Cheech come ambasciatore del marchio sigilla l'accordo.

La sua bevibilità era una caratteristica importante da avere secondo Marin che voleva creare un mezcal che piacesse di più al pubblico mainstream. "Non vuoi che il gusto sia molto specifico, molto esoterico che solo gli appassionati possono apprezzare", dice.

Yusef Austin, il mixologist e rappresentante del marchio, ha evidenziato la versatilità dello spirito creando un cocktail leggero e luminoso per l'evento di lancio, piuttosto che il solito cocktail mezcal scuro e intenso. “Si presta molto bene a una pletora di ingredienti diversi. Lo sto usando con sesamo, guava, arancia rossa, foglie di lime Kaffir", dice.

Ma se vuoi davvero bere come Cheech, prepara il suo cocktail preferito a casa. È fondamentalmente una tequila e un tonico con un tocco di limone (un terzo di tequila, due terzi di tonico e un tocco). "Timothy Leary mi ha insegnato quella bevanda", dice, nominando ma no, perché è Cheech Marin. “Lo bevevamo sempre, era un mio buon amico. Immagino che potresti farlo anche con il mezcal.»

Il mezcal Tres Papalote sarà disponibile nel sud della California alla fine di marzo. Liquorama dovrebbe iniziare a spedirlo tra un paio di settimane.


Come sbiadire il Mezcal come Cheech Marin

Non c'era nessun legame su giunture condivise o risate tra manciate di Cheetos a casa di Cheech Marin a Malibu, sulla scogliera, quella notte. Piuttosto, era pieno di tacos di strada di La Reyna, conversazioni sulla sua collezione d'arte Chicano privata e cocktail artigianali preparati con il suo nuovo marchio di mezcal, Tres Papalote. Ha davvero fatto molta strada da quando ha guidato un furgone fatto interamente di erba in In fumo.

Anche l'introduzione di Marin al mezcal è stata fantasiosa. Dopo aver denigrato lo spirito quando stava crescendo a Los Angeles ("Sembrava un souvenir che hai ricevuto quando sei andato a TJ"), non ha sviluppato un interesse per questo fino a quando il suo buon amico Chef John Sedlar (Rivera) glielo presentò sotto forma di cocktail bordato di cricket.

“[Sedlar] mi ha convinto, non attraverso colpi diretti ma bevande miste. E questo ha davvero fatto la differenza del mondo", spiega. "È davvero tropicale, aveva un sapore affumicato, peperoncino, e ho pensato: 'Wow, questo è buono!'"

Allo stesso tempo, il suo amico Edward Caan di Riviera Imports, la stessa azienda che ha importato lo scotch Ron Burgundy, stava cercando di creare un prodotto con Marin. Poiché la categoria della tequila era già troppo satura, il ritrovato amore di Marin per il mezcal si è presentato come la direzione da prendere. A parte il fatto che sembrava una grande opportunità - è quello che stanno facendo tutte le celebrità in questi giorni - al comico piaceva l'idea di diventare il volto di una categoria apparentemente senza volto. “Quello che ho pensato è che il mezcal non avesse davvero una faccia. Non aveva identità. E il mezcal sembra essere in aumento", dice.

Ciò che distingue Tres Papalote dalla maggior parte degli altri mezcal, oltre al suo sostegno da celebrità, è che non solo è fatto con l'agave Cupreata che proviene da Guerrero rispetto a Oaxaca, il mezcal è accessibile solo con una sottile fumosità.

Persino Los Angeles l'esperto residente di mezcal della rivista Bill Esparza è piaciuto: "È stata una piacevole sorpresa apprendere che il mezcal di Tres Papalote entra a 46 gradi, nel rispetto della tradizione, ed è una bella ed equilibrata espressione di Guerreran cupreata, o maguey papalote. E come a pocho, avere Cheech come ambasciatore del marchio sigilla l'accordo.

La sua bevibilità era una caratteristica importante da avere secondo Marin che voleva creare un mezcal che piacesse di più al grande pubblico. "Non vuoi che il gusto sia molto specifico, molto esoterico che solo gli appassionati possono apprezzare", dice.

Yusef Austin, il mixologist e rappresentante del marchio, ha evidenziato la versatilità dello spirito creando un cocktail leggero e luminoso per l'evento di lancio, piuttosto che il solito cocktail mezcal scuro e intenso. “Si presta molto bene a una pletora di ingredienti diversi. Lo sto usando con sesamo, guava, arancia rossa, foglie di lime Kaffir", dice.

Ma se vuoi davvero bere come Cheech, prepara il suo cocktail preferito a casa. È fondamentalmente una tequila e un tonico con un tocco di limone (un terzo di tequila, due terzi di tonico e un tocco). "Timothy Leary mi ha insegnato quella bevanda", dice, nominando ma no, perché è Cheech Marin. “Lo bevevamo sempre, era un mio buon amico. Immagino che potresti farlo anche con il mezcal.»

Il mezcal Tres Papalote sarà disponibile nel sud della California alla fine di marzo. Liquorama dovrebbe iniziare a spedirlo tra un paio di settimane.


Come sbiadire il Mezcal come Cheech Marin

Non c'era nessun legame su giunture condivise o risate tra manciate di Cheetos a casa di Cheech Marin a Malibu, sulla scogliera, quella notte. Piuttosto, era pieno di tacos di strada di La Reyna, conversazioni sulla sua collezione d'arte Chicano privata e cocktail artigianali preparati con il suo nuovo marchio di mezcal, Tres Papalote. Ha fatto davvero molta strada da quando ha guidato un furgone fatto interamente di erba in In fumo.

Anche l'introduzione di Marin al mezcal è stata fantasiosa. Dopo aver denigrato lo spirito quando stava crescendo a Los Angeles ("Sembrava un souvenir che hai ricevuto quando sei andato a TJ"), non ha sviluppato un interesse per questo fino a quando il suo buon amico Chef John Sedlar (Rivera) glielo presentò sotto forma di cocktail bordato di cricket.

“[Sedlar] mi ha convinto, non attraverso colpi diretti ma bevande miste. E questo ha davvero fatto la differenza del mondo", spiega. "È davvero tropicale, aveva un sapore affumicato, peperoncino, e ho pensato: 'Wow, questo è buono!'"

Allo stesso tempo, il suo amico Edward Caan di Riviera Imports, la stessa azienda che ha importato lo scotch Ron Burgundy, stava cercando di creare un prodotto con Marin. Poiché la categoria della tequila era già saturata, il ritrovato amore di Marin per il mezcal si è presentato come la direzione da prendere. A parte il fatto che sembrava una grande opportunità - è quello che stanno facendo tutte le celebrità in questi giorni - al comico piaceva l'idea di diventare il volto di una categoria apparentemente senza volto. “Quello che ho pensato è che il mezcal non avesse davvero una faccia. Non aveva identità. E il mezcal sembra essere in aumento", dice.

Ciò che distingue Tres Papalote dalla maggior parte degli altri mezcal, oltre al suo sostegno da celebrità, è che non solo è fatto con l'agave Cupreata che proviene da Guerrero rispetto a Oaxaca, il mezcal è accessibile solo con una sottile fumosità.

Persino Los Angeles l'esperto residente di mezcal della rivista Bill Esparza è piaciuto: "È stata una piacevole sorpresa apprendere che il mezcal di Tres Papalote entra a 46 gradi, nel rispetto della tradizione, ed è una bella ed equilibrata espressione di Guerreran cupreata, o maguey papalote. E come a pocho, avere Cheech come ambasciatore del marchio sigilla l'accordo.

La sua bevibilità era una caratteristica importante da avere secondo Marin che voleva creare un mezcal che piacesse di più al grande pubblico. "Non vuoi che il gusto sia molto specifico, molto esoterico che solo gli appassionati possono apprezzare", dice.

Yusef Austin, il mixologist e rappresentante del marchio, ha evidenziato la versatilità dello spirito creando un cocktail leggero e luminoso per l'evento di lancio, piuttosto che il solito cocktail mezcal scuro e intenso. “Si presta molto bene a una pletora di ingredienti diversi. Lo sto usando con sesamo, guava, arancia rossa, foglie di lime Kaffir", dice.

Ma se vuoi davvero bere come Cheech, prepara il suo cocktail preferito a casa. È fondamentalmente una tequila e un tonico con un tocco di limone (un terzo di tequila, due terzi di tonico e un tocco). "Timothy Leary mi ha insegnato quella bevanda", dice, nominando ma non, perché è Cheech Marin. “Lo bevevamo sempre, era un mio buon amico. Immagino che potresti farlo anche con il mezcal.»

Il mezcal Tres Papalote sarà disponibile nel sud della California alla fine di marzo. Liquorama dovrebbe iniziare a spedirlo tra un paio di settimane.


Come sbiadire il Mezcal come Cheech Marin

Non c'era nessun legame su giunture condivise o risate tra manciate di Cheetos a casa di Cheech Marin a Malibu, sulla scogliera, quella notte. Piuttosto, era pieno di tacos di strada di La Reyna, conversazioni sulla sua collezione d'arte Chicano privata e cocktail artigianali preparati con il suo nuovo marchio di mezcal, Tres Papalote. Ha davvero fatto molta strada da quando ha guidato un furgone fatto interamente di erba in In fumo.

Anche l'introduzione di Marin al mezcal è stata fantasiosa. Dopo aver denigrato lo spirito quando stava crescendo a Los Angeles ("Sembrava un souvenir che hai ricevuto quando sei andato a TJ"), non ha sviluppato un interesse per questo fino a quando il suo buon amico Chef John Sedlar (Rivera) glielo presentò sotto forma di cocktail bordato di cricket.

“[Sedlar] mi ha convinto, non attraverso colpi diretti ma bevande miste. E questo ha davvero fatto la differenza del mondo", spiega. "È davvero tropicale, aveva un sapore affumicato, peperoncino, e ho pensato: 'Wow, questo è buono!'"

Allo stesso tempo, il suo amico Edward Caan di Riviera Imports, la stessa azienda che ha importato lo scotch Ron Burgundy, stava cercando di creare un prodotto con Marin. Poiché la categoria della tequila era già troppo satura, il ritrovato amore di Marin per il mezcal si è presentato come la direzione da prendere. A parte il fatto che sembrava una grande opportunità - è quello che stanno facendo tutte le celebrità in questi giorni - al comico piaceva l'idea di diventare il volto di una categoria apparentemente senza volto. “Quello che ho pensato è che il mezcal non avesse davvero una faccia. Non aveva identità. E il mezcal sembra essere in aumento", dice.

Ciò che distingue Tres Papalote dalla maggior parte degli altri mezcal, oltre al suo sostegno da celebrità, è che non solo è fatto con l'agave Cupreata che proviene da Guerrero rispetto a Oaxaca, il mezcal è accessibile solo con una sottile fumosità.

Persino Los Angeles l'esperto residente di mezcal della rivista Bill Esparza è piaciuto: "È stata una piacevole sorpresa apprendere che il mezcal di Tres Papalote entra a 46 gradi, nel rispetto della tradizione, ed è una bella ed equilibrata espressione di Guerreran cupreata, o maguey papalote. E come a pocho, avere Cheech come ambasciatore del marchio sigilla l'accordo.

La sua bevibilità era una caratteristica importante da avere secondo Marin che voleva creare un mezcal che piacesse di più al pubblico mainstream. "Non vuoi che il gusto sia molto specifico, molto esoterico che solo gli appassionati possono apprezzare", dice.

Yusef Austin, il mixologist e rappresentante del marchio, ha evidenziato la versatilità dello spirito creando un cocktail leggero e luminoso per l'evento di lancio, piuttosto che il solito cocktail mezcal scuro e intenso. “Si presta molto bene a una pletora di ingredienti diversi. Lo sto usando con sesamo, guava, arancia rossa, foglie di lime Kaffir", dice.

Ma se vuoi davvero bere come Cheech, prepara il suo cocktail preferito a casa. È fondamentalmente una tequila e un tonico con un tocco di limone (un terzo di tequila, due terzi di tonico e un tocco). "Timothy Leary mi ha insegnato quella bevanda", dice, nominando ma non, perché è Cheech Marin. “Lo bevevamo sempre, era un mio buon amico. Immagino che potresti farlo anche con il mezcal.»

Il mezcal Tres Papalote sarà disponibile nel sud della California alla fine di marzo. Liquorama dovrebbe iniziare a spedirlo tra un paio di settimane.


Come sbiadire il Mezcal come Cheech Marin

Non c'era nessun legame su giunture condivise o risate tra manciate di Cheetos a casa di Cheech Marin a Malibu, sulla scogliera, quella notte. Piuttosto, era pieno di tacos di strada di La Reyna, conversazioni sulla sua collezione d'arte Chicano privata e cocktail artigianali preparati con il suo nuovo marchio di mezcal, Tres Papalote. Ha fatto davvero molta strada da quando ha guidato un furgone fatto interamente di erba in In fumo.

Anche l'introduzione di Marin al mezcal è stata fantasiosa. Dopo aver denigrato lo spirito quando stava crescendo a Los Angeles ("Sembrava un souvenir che hai ricevuto quando sei andato a TJ"), non ha sviluppato un interesse per questo fino a quando il suo buon amico Chef John Sedlar (Rivera) glielo presentò sotto forma di cocktail bordato di cricket.

“[Sedlar] mi ha convinto, non attraverso colpi diretti ma bevande miste. E questo ha davvero fatto la differenza del mondo", spiega. "È davvero tropicale, aveva un sapore affumicato, peperoncino, e ho pensato: 'Wow, questo è buono!'"

Allo stesso tempo, il suo amico Edward Caan di Riviera Imports, la stessa azienda che ha importato lo scotch Ron Burgundy, stava cercando di creare un prodotto con Marin. Poiché la categoria della tequila era già saturata, il ritrovato amore di Marin per il mezcal si è presentato come la direzione da prendere. A parte il fatto che sembrava una grande opportunità - è quello che stanno facendo tutte le celebrità in questi giorni - al comico piaceva l'idea di diventare il volto di una categoria apparentemente senza volto. “Quello che ho pensato è che il mezcal non avesse davvero una faccia. Non aveva identità. E il mezcal sembra essere in aumento", dice.

Ciò che distingue Tres Papalote dalla maggior parte degli altri mezcal, oltre al suo sostegno da celebrità, è che non solo è fatto con l'agave Cupreata che proviene da Guerrero rispetto a Oaxaca, il mezcal è accessibile solo con una sottile fumosità.

Persino Los Angeles l'esperto residente di mezcal della rivista Bill Esparza è piaciuto: "È stata una piacevole sorpresa apprendere che il mezcal di Tres Papalote entra a 46 gradi, nel rispetto della tradizione, ed è una bella ed equilibrata espressione di Guerreran cupreata, o maguey papalote. E come a pocho, avere Cheech come ambasciatore del marchio sigilla l'accordo.

La sua bevibilità era una caratteristica importante da avere secondo Marin che voleva creare un mezcal che piacesse di più al pubblico mainstream. "Non vuoi che il gusto sia molto specifico, molto esoterico che solo gli appassionati possono apprezzare", dice.

Yusef Austin, il mixologist e rappresentante del marchio, ha evidenziato la versatilità dello spirito creando un cocktail leggero e luminoso per l'evento di lancio, piuttosto che il solito cocktail mezcal scuro e intenso. “Si presta molto bene a una pletora di ingredienti diversi. Lo sto usando con sesamo, guava, arancia rossa, foglie di lime Kaffir", dice.

Ma se vuoi davvero bere come Cheech, prepara il suo cocktail preferito a casa. È fondamentalmente una tequila e un tonico con un tocco di limone (un terzo di tequila, due terzi di tonico e un tocco). "Timothy Leary mi ha insegnato quella bevanda", dice, nominando ma no, perché è Cheech Marin. “Lo bevevamo sempre, era un mio buon amico. Immagino che potresti farlo anche con il mezcal.»

Il mezcal Tres Papalote sarà disponibile nel sud della California alla fine di marzo. Liquorama dovrebbe iniziare a spedirlo tra un paio di settimane.


Come sbiadire il Mezcal come Cheech Marin

Non c'era nessun legame su giunture condivise o risate tra manciate di Cheetos a casa di Cheech Marin a Malibu, sulla scogliera, quella notte. Piuttosto, era pieno di tacos di strada di La Reyna, conversazioni sulla sua collezione d'arte Chicano privata e cocktail artigianali preparati con il suo nuovo marchio di mezcal, Tres Papalote. Ha fatto davvero molta strada da quando ha guidato un furgone fatto interamente di erba in In fumo.

Anche l'introduzione di Marin al mezcal è stata fantasiosa. Dopo aver denigrato lo spirito quando stava crescendo a Los Angeles ("Sembrava un souvenir che hai ricevuto quando sei andato a TJ"), non ha sviluppato un interesse per questo fino a quando il suo buon amico Chef John Sedlar (Rivera) glielo presentò sotto forma di cocktail bordato di cricket.

“[Sedlar] mi ha convinto, non attraverso colpi diretti ma bevande miste. E questo ha davvero fatto la differenza del mondo", spiega. "È davvero tropicale, aveva un sapore affumicato, peperoncino, e ho pensato: 'Wow, questo è buono!'"

Allo stesso tempo, il suo amico Edward Caan di Riviera Imports, la stessa azienda che ha importato lo scotch Ron Burgundy, stava cercando di creare un prodotto con Marin. Poiché la categoria della tequila era già saturata, il ritrovato amore di Marin per il mezcal si è presentato come la direzione da prendere. A parte il fatto che sembrava una grande opportunità - è quello che stanno facendo tutte le celebrità in questi giorni - al comico piaceva l'idea di diventare il volto di una categoria apparentemente senza volto. “Quello che ho pensato è che il mezcal non avesse davvero una faccia. Non aveva identità. E il mezcal sembra essere in aumento", dice.

Ciò che distingue Tres Papalote dalla maggior parte degli altri mezcal, oltre al suo sostegno da celebrità, è che non solo è fatto con l'agave Cupreata che proviene da Guerrero rispetto a Oaxaca, il mezcal è accessibile solo con una sottile fumosità.

Persino Los Angeles l'esperto residente di mezcal della rivista Bill Esparza è piaciuto: "È stata una piacevole sorpresa apprendere che il mezcal di Tres Papalote entra a 46 gradi, nel rispetto della tradizione, ed è una bella ed equilibrata espressione di Guerreran cupreata, o maguey papalote. E come a pocho, avere Cheech come ambasciatore del marchio sigilla l'accordo.

Its drinkability was an important feature to have according to Marin who wanted to create a mezcal that appealed more to the mainstream public. “You don’t want the taste to be very specific, very esoteric that only aficionados can appreciate,” he says.

Yusef Austin, the mixologist and representative for the brand, highlighted the spirit’s versatility by creating a light, bright cocktail for the launch event, rather than the usual dark and intense mezcal cocktail. “It lends itself really well to a plethora of different ingredients. I’m using it with sesame, guava, blood orange, Kaffir lime leaves,” he says.

But if you really want to drink like Cheech, make his favorite cocktail at home. It’s basically a tequila and tonic with a lemon twist (one-third tequila, two-thirds tonic and a twist). “Timothy Leary taught me that drink,” he says, namedropping but not, because he’s Cheech Marin. “We used to drink that all the time he was a good buddy of mine. I suppose you could do it with the mezcal, too.”

Tres Papalote mezcal will be available in Southern California at the end of March. Liquorama is slated to start shipping it in a couple of weeks.


How to Get Faded off Mezcal Like Cheech Marin

There was no bonding over shared joints or laughing fits between fistfuls of Cheetos at Cheech Marin’s cliffside Malibu home that night. Rather, it was filled with street tacos from La Reyna, conversations about his private Chicano art collection, and craft cocktails made with his new brand of mezcal, Tres Papalote. He really has come a long way since driving a van made entirely of weed in In fumo.

Even Marin’s introduction to mezcal was fancy. Having pooh-poohed the spirit when he was growing up in L.A. (“It looked like a souvenir you got when you went down to TJ”), he didn’t develop an interest in it until his good friend Chef John Sedlar (Rivera) presented it to him in the form of a cricket-rimmed cocktail.

“[Sedlar] turned me onto it, not through straight shots but mixed drinks. And that really made all the difference in the world,” he explains. “It’s really tropical, it had a smoky flavor—chiles—and I thought, ‘Wow, this is good!'”

At the same time his friend Edward Caan of Riviera Imports, the same company that imported the Ron Burgundy scotch, was looking to create a product with Marin. Since the tequila category was already oversaturated, Marin’s newfound love for mezcal presented itself as the direction to go. Apart from the fact that it seemed like a great opportunity—it’s what all the celebs are doing these days—the comedian liked the idea of becoming the face of a seemingly faceless category. “What I figured is that mezcal didn’t really have a face. It had no identity. And mezcal seems to be on the rise,” he says.

What sets Tres Papalote apart from most other mezcals, besides its celebrity backing, is that not only is it made from Cupreata agave which comes from Guerrero as opposed to Oaxaca, the mezcal is approachable with just a subtle smokiness.

Persino Los Angeles magazine’s resident mezcal expert Bill Esparza liked it: “It was a pleasant surprise to learn that Tres Papalote mezcal clocks in at 46 degrees, respecting tradition, and is a nice, balanced expression of Guerreran cupreata, or maguey papalote. And as a pocho, having Cheech as a brand ambassador seals the deal.”

Its drinkability was an important feature to have according to Marin who wanted to create a mezcal that appealed more to the mainstream public. “You don’t want the taste to be very specific, very esoteric that only aficionados can appreciate,” he says.

Yusef Austin, the mixologist and representative for the brand, highlighted the spirit’s versatility by creating a light, bright cocktail for the launch event, rather than the usual dark and intense mezcal cocktail. “It lends itself really well to a plethora of different ingredients. I’m using it with sesame, guava, blood orange, Kaffir lime leaves,” he says.

But if you really want to drink like Cheech, make his favorite cocktail at home. It’s basically a tequila and tonic with a lemon twist (one-third tequila, two-thirds tonic and a twist). “Timothy Leary taught me that drink,” he says, namedropping but not, because he’s Cheech Marin. “We used to drink that all the time he was a good buddy of mine. I suppose you could do it with the mezcal, too.”

Tres Papalote mezcal will be available in Southern California at the end of March. Liquorama is slated to start shipping it in a couple of weeks.


Guarda il video: Papalote


Commenti:

  1. Dabar

    Autore, in quale città vivi, se non un segreto?

  2. Keegan

    Ti stai sbagliando. Discutiamone. Scrivimi in PM.

  3. Grady

    Cosa stai cercando di dire?

  4. Andric

    il messaggio incomparabile

  5. Dile

    Tutto in tempo utile.



Scrivi un messaggio