it.mpmn-digital.com
Nuove ricette

Gene Simmons non si è mai preso una vacanza

Gene Simmons non si è mai preso una vacanza


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Gene Simmons ha fatto notizia con la presentazione del suo Gene Simmons Vault. Simmons ha ulteriormente reso le cose interessanti accettando di consegnare a mano un Vault a chiunque sia disposto a pagare $ 2.000; il più costoso Gene Simmons Vault il pacchetto include l'opzione di ospitare Simmons a casa tua - insieme ad altre 25 persone - per due ore per $ 50.000.

Oltre ai suoi successi musicali, Simmons è anche uno dei fondatori del ristorante informale Rock & Brews. Fondato nel 2012 insieme al cantante/chitarrista dei KISS Paul Stanley, Rock & Brews ora ha 17 ristoranti negli Stati Uniti e in Messico. La struttura amica della musica ha anche un casinò in lavorazione. A parte Rock & Brews, si dice che Simmons abbia una linea di bevande in lavorazione.

Per conto di Il pasto quotidiano, ho avuto il piacere di porre a Simmons alcune domande relative al cibo di persona al London Hotel.

The Daily Meal: Da dove nasce l'idea di Rock & Brews?
Gene Simmons:
L'idea per Rock & Brews è venuta da un signore di nome Dave Furano, fratello di Dell Furano. È stato il nostro addetto alle licenze e al merchandising per varie aziende e alla fine si è stabilito su Epic Rights. Loro fanno noi, Barbra Streisand, AC/DC, merchandising. Era suo fratello che veniva dallo stesso mondo che aveva un'idea di un ristorante che combinasse il rock and roll classico. Ti dirò che abbiamo solo pochi anni, ma ce ne sono già due al Rock & Brews a LAX, due a Cabo, Hawaii e altri sparsi in tutta l'America. Abbiamo anche aperto la strada al Rock & Brews Casino Resort in Oklahoma e ce ne sono altri in arrivo.

Questa era la mia prossima domanda, sul casinò...
Oh, sta arrivando. Non solo, ma il nostro casinò nel più grande casinò resort indiano, il San Manuel Tribe... Abbiamo il Rock & Brews Casino Resort all'interno del resort casinò di San Manuel, quindi tutto sta andando a rotoli.

E, naturalmente, se ti stai sintonizzando in ritardo, scopri tutte le ultime e le migliori sul più grande cofanetto di tutti i tempi. Voglio dire, questo è tosto, ne sono così orgoglioso e devo menzionare che ci sono cassetti segreti in cui premi, si apre e ci sono oggetti personali che ci metto dentro. Questi cofanetti sono tutti insieme un altro animale. Non sembra uno, non si muove come uno. È molto più pesante, è molto più grande, è proprio tutto ciò che ho sempre sognato, quindi ne sono orgoglioso.

Al Rock & Brews, hai un articolo preferito nel menu?
Sì, la mia rovina sono i dolci, sfortunatamente. Devo guardare la mia figura da ragazza, quindi sto solo mangiando proteine, senza carboidrati. Ma la cosa che preferisco, li chiamano bignè o budino di pane.

Il KISS Kruise è un altro dei tuoi sforzi imprenditoriali, e ciò che mi sorprende del KISS Kruise è che nei tuoi libri hai parlato di come non sei mai andato in vacanza. Cosa fai quando sei sulla nave oltre a esibirti?
È una buona giornata di 12 ore. Incontriamo e salutiamo letteralmente ognuno di quelle migliaia di fan sulla nave. Ci assicuriamo che ogni singolo fan di quella crociera riceva una foto. Ci assicuriamo che tutti i fan abbiano un po' di tempo con noi e facciamo concorsi e altre attività oltre a spettacoli e concerti unplugged di notte. Voglio dire, sono giorni interi.

Quindi ti tieni impegnato con il lavoro? O ti prendi davvero una vacanza a volte?
Non l'ho mai fatto, e durante la crociera frequento la Gene Simmons Master Class, dove insegno a persone che non hanno mai suonato uno strumento o non hanno mai scritto una canzone a suonare e a scrivere la loro prima canzone in poche ore.

Com'è la situazione alimentare in crociera?
I migliori, molti ristoranti, molte scelte. Cinese, italiano e sai quello che vuoi. Ci sono palestre e centri sportivi dove è possibile fare shopping e giocare d'azzardo. Voglio dire, è una città galleggiante, davvero.

Ho una domanda da un fan delle celebrità. Dave Hill ha detto di aver ricevuto un consiglio da te quando stava crescendo: "sii strano, non preoccuparti di adattarti". A che punto della tua vita ti sei reso conto che era bello essere...
Dave Hill da?

Dave Hill è un comico che fa parte anche della band Valley Lodge. Fanno la sigla per La scorsa settimana con John Oliver su HBO. Quindi ha sentito quel consiglio quando stava crescendo, il che significava molto per lui. Ma sono curioso perché sei conosciuto come una delle persone più sicure di sé e credi in te stesso. Da dove viene?
Beh, quando non hai scelta, è più facile che quando nasci nel lusso, mamma e papà hanno sempre del cibo nel piatto, ottieni un'indennità per non fare nulla e tutto il resto, e semplicemente non hai il senso della realtà. La realtà aiuta i poveri. Vai a letto affamato, sai se sono fortunati se hanno un pezzo di pane... Anche in America, 15 milioni di bambini vanno a letto affamati e chiunque disoccupato ti dirà quanto è delizioso il cibo quando muori di fame . E ci sono stato, quando siamo venuti in America mia madre guadagnava 37,50 dollari a settimana in una fabbrica, e quando ho mangiato un panino con la gelatina, sapevo a cosa serviva. Cavolo, non mi sono preoccupato della bistecca o del filet mignon. Datemi una ciambella o dei Ding Dong.

Si torna ai dolci.
Bene, ascolta la lingua - "sei così dolce", "com'è dolce" ... Nessuno parla di che bistecca sei.

Questo è un ottimo punto.
Ovviamente la lingua dice tutto.

Sembra un altro libro per te.
"Ricco" è una buona parola. "Come se la cavava tuo figlio a scuola?" "Male". Dicono: "Oh, che povero ragazzino". La lingua racconta il valore della società, buona o cattiva che sia.

Se non puoi salire sulla crociera, forse lo vuoi vai in Texas per incontrare il vitellino che assomiglia proprio a Gene Simmons.


Gene Simmons riceve il bacio della morte dal famigerato forum web

Mai uno che si morda la lingua (spiacente), il volto pubblico dei Kiss, il suo bassista Gene Simmons, è diventato l'ultimo obiettivo degli assidui aggressori online, Anonymous.

Due dei siti web ufficiali di Simmons, SimmonsRecords.com e GeneSimmons.com, sono stati colpiti dal gruppo di attivisti come apparente rappresaglia per aver insistito sul fatto che i musicisti dovrebbero essere molto più aggressivi nella ricerca di file sharing illeciti. Il gruppo Anonymous, legato ombelicalmente all'influente forum online 4Chan, nelle ultime settimane ha messo offline diversi siti web collegati a organismi di protezione del diritto d'autore.

I commenti offensivi sono stati fatti da Simmons in un panel sulla creazione di un marchio di intrattenimento di successo. Martedì ha detto: "Assicurati che il tuo marchio sia protetto. Assicurati che non ci siano incursioni. Sii litigioso. Fai causa a tutti. Prendi le loro case, le loro auto. Non permettere a nessuno di oltrepassare quella linea.

"L'industria musicale era addormentata al volante e non aveva le palle per citare in giudizio ogni studente universitario dal viso fresco e lentigginoso che ha scaricato materiale. E così ora ci ritroviamo con centinaia di migliaia di persone senza lavoro. C'è nessuna industria".

Ahia. Puoi quasi sentire Anonymous girare intorno ai suoi missili DDoS (illegali). E, in effetti, poco più di 24 ore dopo il marchio online di Simmons è stato eliminato da Internet.

Attacco anonimo Gene Simmons

(Anche se dobbiamo sottolineare che Simmons ha forse dimenticato gli sforzi fatti dai Metallica, per esempio, che nel 2000 nominarono 300.000 utenti di Napster e li fecero espellere dal sistema. Dr Dre ha fatto lo stesso. Dormi al volante? Difficile. È solo il rovescio della medaglia del vantaggio che l'essere grandi portava - dove le case discografiche potevano produrre qualcosa a molte persone contemporaneamente. Quando dovevano inseguire le persone, il loro problema diventava molto più grande.)

Come giustamente sottolinea Slyck, il rocker dalla lingua sciolta è l'ultimo obiettivo di un gruppo che annovera la Motion Picture Association of America, la Recording Industry Association of America, la Copyright Alliance, il Ministry of Sound, le società di avvocati DG Legal, ACS:Law e Il galante Macmillan tra le vittime recenti. Quest'ultimo, curiosamente, sembra essere stato troppo forte per bussare offline.

C'è, ovviamente, una voce spesso trascurata nell'industria musicale che Rich Huxley ha sottolineato.

Huxley, come molto probabilmente con altri artisti che aprono nuove forme di distribuzione, afferma: "Non c'è mai stato un momento migliore per essere un musicista intraprendente", aggiungendo: "Faccio parte delle industrie musicali e voglio una rappresentanza".

Il suo punto: "Non c'è modo di interrompere la condivisione e non dovremmo sforzarci di farlo. Che avvenga su Internet significa solo che in qualche modo è rintracciabile e identificabile.

"È inutile e impossibile far rispettare le leggi anti-condivisione poiché è sempre stato il caso in cui l'umanità trova un altro modo. Se la condivisione di musica online diventa illegale, le persone torneranno alla condivisione di DVD/hard disk o troveranno modi non rintracciabili per continuare a condividere. Forse scambieremo di nuovo i CD con i nostri amici? Forse prenderemo in prestito dalle biblioteche. Dare la colpa a Internet è dare la colpa al mezzo. Per citare Steve Lawson "È come incolpare Microsoft Excel per la frode fiscale".


Gene Simmons riceve il bacio della morte dal famigerato forum web

Mai uno che si morda la lingua (spiacente), il volto pubblico dei Kiss, il suo bassista Gene Simmons, è diventato l'ultimo obiettivo degli assidui aggressori online, Anonymous.

Due dei siti web ufficiali di Simmons, SimmonsRecords.com e GeneSimmons.com, sono stati colpiti dal gruppo di attivisti come apparente rappresaglia per aver insistito sul fatto che i musicisti dovrebbero essere molto più aggressivi nella ricerca di file sharing illeciti. Il gruppo Anonymous, legato ombelicalmente all'influente forum online 4Chan, nelle ultime settimane ha messo offline diversi siti web collegati a organismi di protezione del diritto d'autore.

I commenti offensivi sono stati fatti da Simmons in un panel sulla creazione di un marchio di intrattenimento di successo. Martedì ha detto: "Assicurati che il tuo marchio sia protetto. Assicurati che non ci siano incursioni. Sii litigioso. Fai causa a tutti. Prendi le loro case, le loro auto. Non permettere a nessuno di oltrepassare quella linea.

"L'industria musicale era addormentata al volante e non aveva le palle per citare in giudizio ogni studente universitario dal viso fresco e lentigginoso che ha scaricato materiale. E così ora ci ritroviamo con centinaia di migliaia di persone senza lavoro. C'è nessuna industria".

Ahia. Puoi quasi sentire Anonymous girare intorno ai loro missili DDoS (illegali). E, abbastanza sicuro, poco più di 24 ore dopo il marchio online di Simmons è stato eliminato da Internet.

Attacco anonimo Gene Simmons

(Anche se dobbiamo sottolineare che Simmons ha forse dimenticato gli sforzi fatti dai Metallica, per esempio, che nel 2000 nominarono 300.000 utenti di Napster e li fecero espellere dal sistema. Dr Dre ha fatto lo stesso. Dormi al volante? Difficile. È solo il rovescio della medaglia del vantaggio che l'essere grandi portava - dove le case discografiche potevano produrre qualcosa a molte persone contemporaneamente. Quando dovevano inseguire le persone, il loro problema diventava molto più grande.)

Come giustamente sottolinea Slyck, il rocker dalla lingua sciolta è l'ultimo obiettivo di un gruppo che annovera la Motion Picture Association of America, la Recording Industry Association of America, la Copyright Alliance, il Ministry of Sound, le società di avvocati DG Legal, ACS:Law e Il galante Macmillan tra le vittime recenti. Quest'ultimo, curiosamente, sembra essere stato troppo forte per bussare offline.

C'è, ovviamente, una voce spesso trascurata nell'industria musicale che Rich Huxley ha sottolineato.

Huxley, come molto probabilmente con altri artisti che aprono nuove forme di distribuzione, afferma: "Non c'è mai stato un momento migliore per essere un musicista intraprendente", aggiungendo: "Faccio parte delle industrie musicali e voglio una rappresentanza".

Il suo punto: "Non c'è modo di interrompere la condivisione e non dovremmo sforzarci di farlo. Che avvenga su Internet significa solo che in qualche modo è rintracciabile e identificabile.

"È inutile e impossibile far rispettare le leggi anti-condivisione poiché è sempre stato il caso che l'umanità trovi un altro modo. Se la condivisione di musica online diventa illegale, le persone torneranno alla condivisione di DVD/hard disk o troveranno modi non rintracciabili per continuare a condividere. Forse scambieremo di nuovo i CD con i nostri amici? Forse prenderemo in prestito dalle biblioteche. Dare la colpa a Internet è dare la colpa al mezzo. Per citare Steve Lawson "È come incolpare Microsoft Excel di frode fiscale".


Gene Simmons riceve il bacio della morte dal famigerato forum web

Mai uno che si morda la lingua (spiacente), il volto pubblico dei Kiss, il suo bassista Gene Simmons, è diventato l'ultimo obiettivo degli assidui aggressori online, Anonymous.

Due dei siti web ufficiali di Simmons, SimmonsRecords.com e GeneSimmons.com, sono stati colpiti dal gruppo di attivisti come apparente rappresaglia per aver insistito sul fatto che i musicisti dovrebbero essere molto più aggressivi nella ricerca di file sharing illeciti. Il gruppo Anonymous, legato ombelicalmente all'influente forum online 4Chan, nelle ultime settimane ha messo offline diversi siti web collegati a organismi di protezione del diritto d'autore.

I commenti offensivi sono stati fatti da Simmons in un panel sulla creazione di un marchio di intrattenimento di successo. Martedì ha detto: "Assicurati che il tuo marchio sia protetto. Assicurati che non ci siano incursioni. Sii litigioso. Fai causa a tutti. Prendi le loro case, le loro auto. Non permettere a nessuno di oltrepassare quella linea.

"L'industria musicale era addormentata al volante e non aveva le palle per citare in giudizio ogni studente universitario dal viso fresco e lentigginoso che ha scaricato materiale. E così ora ci ritroviamo con centinaia di migliaia di persone senza lavoro. C'è nessuna industria".

Ahia. Puoi quasi sentire Anonymous girare intorno ai suoi missili DDoS (illegali). E, in effetti, poco più di 24 ore dopo il marchio online di Simmons è stato eliminato da Internet.

Attacco anonimo Gene Simmons

(Anche se dobbiamo sottolineare che Simmons ha forse dimenticato gli sforzi fatti dai Metallica, per esempio, che nel 2000 nominarono 300.000 utenti di Napster e li fecero espellere dal sistema. Dr Dre ha fatto lo stesso. Dormi al volante? Difficile. È solo il rovescio della medaglia del vantaggio che l'essere grandi portava - dove le case discografiche potevano produrre qualcosa a molte persone contemporaneamente. Quando dovevano inseguire le persone, il loro problema diventava molto più grande.)

Come giustamente sottolinea Slyck, il rocker dalla lingua sciolta è l'ultimo obiettivo di un gruppo che annovera la Motion Picture Association of America, la Recording Industry Association of America, la Copyright Alliance, il Ministry of Sound, le società di avvocati DG Legal, ACS:Law e Il galante Macmillan tra le vittime recenti. Quest'ultimo, curiosamente, sembra essere stato troppo forte per bussare offline.

C'è, ovviamente, una voce spesso trascurata nell'industria musicale che Rich Huxley ha sottolineato.

Huxley, come molto probabilmente con altri artisti che aprono nuove forme di distribuzione, afferma: "Non c'è mai stato un momento migliore per essere un musicista intraprendente", aggiungendo: "Faccio parte delle industrie musicali e voglio una rappresentanza".

Il suo punto: "Non c'è modo di interrompere la condivisione e non dovremmo sforzarci di farlo. Che avvenga su Internet significa solo che in qualche modo è rintracciabile e identificabile.

"È inutile e impossibile far rispettare le leggi anti-condivisione poiché è sempre stato il caso che l'umanità trovi un altro modo. Se la condivisione di musica online diventa illegale, le persone torneranno alla condivisione di DVD/hard disk o troveranno modi non rintracciabili per continuare a condividere. Forse scambieremo di nuovo i CD con i nostri amici? Forse prenderemo in prestito dalle biblioteche. Dare la colpa a Internet è dare la colpa al mezzo. Per citare Steve Lawson "È come incolpare Microsoft Excel di frode fiscale".


Gene Simmons riceve il bacio della morte dal famigerato forum web

Mai uno che si morda la lingua (spiacente), il volto pubblico dei Kiss, il suo bassista Gene Simmons, è diventato l'ultimo obiettivo degli assidui aggressori online, Anonymous.

Due dei siti web ufficiali di Simmons, SimmonsRecords.com e GeneSimmons.com, sono stati colpiti dal gruppo di attivisti come apparente rappresaglia per aver insistito sul fatto che i musicisti dovrebbero essere molto più aggressivi nella ricerca di file sharing illeciti. Il gruppo Anonymous, legato ombelicalmente all'influente forum online 4Chan, nelle ultime settimane ha messo offline diversi siti web collegati a organismi di protezione del diritto d'autore.

I commenti offensivi sono stati fatti da Simmons in un panel sulla creazione di un marchio di intrattenimento di successo. Martedì ha detto: "Assicurati che il tuo marchio sia protetto. Assicurati che non ci siano incursioni. Sii litigioso. Fai causa a tutti. Prendi le loro case, le loro auto. Non permettere a nessuno di oltrepassare quella linea.

"L'industria musicale era addormentata al volante e non aveva le palle per citare in giudizio ogni studente universitario dal viso fresco e lentigginoso che ha scaricato materiale. E così ora ci ritroviamo con centinaia di migliaia di persone senza lavoro. C'è nessuna industria".

Ahia. Puoi quasi sentire Anonymous girare intorno ai loro missili DDoS (illegali). E, in effetti, poco più di 24 ore dopo il marchio online di Simmons è stato eliminato da Internet.

Attacco anonimo Gene Simmons

(Anche se dobbiamo sottolineare che Simmons ha forse dimenticato gli sforzi fatti dai Metallica, per esempio, che nel 2000 nominarono 300.000 utenti di Napster e li fecero espellere dal sistema. Dr Dre ha fatto lo stesso. Dormi al volante? Difficile. È solo il rovescio della medaglia del vantaggio che l'essere grandi portava - dove le case discografiche potevano produrre qualcosa a molte persone contemporaneamente. Quando dovevano inseguire le persone, il loro problema diventava molto più grande.)

Come giustamente fa notare Slyck, il rocker dalla lingua sciolta è l'ultimo obiettivo di un gruppo che annovera la Motion Picture Association of America, la Recording Industry Association of America, la Copyright Alliance, il Ministry of Sound, gli studi legali DG Legal, ACS:Law e Il galante Macmillan tra le vittime recenti. Quest'ultimo, curiosamente, sembra essere stato troppo forte per bussare offline.

C'è, ovviamente, una voce spesso trascurata nell'industria musicale che Rich Huxley ha sottolineato.

Huxley, come molto probabilmente con altri artisti che aprono nuove forme di distribuzione, afferma: "Non c'è mai stato un momento migliore per essere un musicista intraprendente", aggiungendo: "Faccio parte delle industrie musicali e voglio una rappresentanza".

Il suo punto: "Non c'è modo di interrompere la condivisione e non dovremmo sforzarci di farlo. Che avvenga su Internet significa solo che in qualche modo è rintracciabile e identificabile.

"È inutile e impossibile far rispettare le leggi anti-condivisione poiché è sempre stato il caso che l'umanità trovi un altro modo. Se la condivisione di musica online diventa illegale, le persone torneranno alla condivisione di DVD/hard disk o troveranno modi non rintracciabili per continuare a condividere. Forse scambieremo di nuovo i CD con i nostri amici? Forse prenderemo in prestito dalle biblioteche. Dare la colpa a Internet è dare la colpa al mezzo. Per citare Steve Lawson "È come incolpare Microsoft Excel di frode fiscale".


Gene Simmons riceve il bacio della morte dal famigerato forum web

Mai uno che si morda la lingua (spiacente), il volto pubblico dei Kiss, il suo bassista Gene Simmons, è diventato l'ultimo obiettivo degli assidui aggressori online, Anonymous.

Due dei siti web ufficiali di Simmons, SimmonsRecords.com e GeneSimmons.com, sono stati colpiti dal gruppo di attivisti come apparente rappresaglia per aver insistito sul fatto che i musicisti dovrebbero essere molto più aggressivi nella ricerca di file sharing illeciti. Il gruppo Anonymous, legato ombelicalmente all'influente forum online 4Chan, nelle ultime settimane ha messo offline diversi siti web collegati a organismi di protezione del diritto d'autore.

I commenti offensivi sono stati fatti da Simmons in un panel sulla creazione di un marchio di intrattenimento di successo. Martedì ha detto: "Assicurati che il tuo marchio sia protetto. Assicurati che non ci siano incursioni. Sii litigioso. Fai causa a tutti. Prendi le loro case, le loro auto. Non permettere a nessuno di oltrepassare quella linea.

"L'industria musicale era addormentata al volante e non aveva le palle per citare in giudizio ogni studente universitario dal viso fresco e lentigginoso che ha scaricato materiale. E così ora ci ritroviamo con centinaia di migliaia di persone senza lavoro. C'è nessuna industria".

Ahia. Puoi quasi sentire Anonymous girare intorno ai suoi missili DDoS (illegali). E, abbastanza sicuro, poco più di 24 ore dopo il marchio online di Simmons è stato eliminato da Internet.

Attacco anonimo Gene Simmons

(Anche se dobbiamo sottolineare che Simmons ha forse dimenticato gli sforzi fatti dai Metallica, per esempio, che nel 2000 nominarono 300.000 utenti di Napster e li fecero espellere dal sistema. Dr Dre ha fatto lo stesso. Dormi al volante? Difficile. È solo il rovescio della medaglia del vantaggio che l'essere grandi portava - dove le case discografiche potevano produrre qualcosa a molte persone contemporaneamente. Quando dovevano inseguire le persone, il loro problema diventava molto più grande.)

Come giustamente sottolinea Slyck, il rocker dalla lingua sciolta è l'ultimo obiettivo di un gruppo che annovera la Motion Picture Association of America, la Recording Industry Association of America, la Copyright Alliance, il Ministry of Sound, le società di avvocati DG Legal, ACS:Law e Il galante Macmillan tra le vittime recenti. Quest'ultimo, curiosamente, sembra essere stato troppo forte per bussare offline.

C'è, ovviamente, una voce spesso trascurata nell'industria musicale che Rich Huxley ha sottolineato.

Huxley, come molto probabilmente con altri artisti che aprono nuove forme di distribuzione, afferma: "Non c'è mai stato un momento migliore per essere un musicista intraprendente", aggiungendo: "Faccio parte delle industrie musicali e voglio una rappresentanza".

Il suo punto: "Non c'è modo di interrompere la condivisione e non dovremmo sforzarci di farlo. Il fatto che avvenga su Internet significa solo che in qualche modo è rintracciabile e identificabile.

"È inutile e impossibile far rispettare le leggi anti-condivisione poiché è sempre stato il caso che l'umanità trovi un altro modo. Se la condivisione di musica online diventa illegale, le persone torneranno alla condivisione di DVD/hard disk o troveranno modi non rintracciabili per continuare a condividere. Forse scambieremo di nuovo i CD con i nostri amici? Forse prenderemo in prestito dalle biblioteche. Dare la colpa a Internet è dare la colpa al mezzo. Per citare Steve Lawson "È come incolpare Microsoft Excel di frode fiscale".


Gene Simmons riceve il bacio della morte dal famigerato forum web

Mai uno che si morda la lingua (spiacente), il volto pubblico dei Kiss, il suo bassista Gene Simmons, è diventato l'ultimo obiettivo degli assidui aggressori online, Anonymous.

Due dei siti web ufficiali di Simmons, SimmonsRecords.com e GeneSimmons.com, sono stati colpiti dal gruppo di attivisti come apparente rappresaglia per aver insistito sul fatto che i musicisti dovrebbero essere molto più aggressivi nella ricerca di file sharing illeciti. Il gruppo Anonymous, legato ombelicalmente all'influente forum online 4Chan, nelle ultime settimane ha messo offline diversi siti web collegati a organismi di protezione del diritto d'autore.

I commenti offensivi sono stati fatti da Simmons in un panel sulla creazione di un marchio di intrattenimento di successo. Martedì ha detto: "Assicurati che il tuo marchio sia protetto. Assicurati che non ci siano incursioni. Sii litigioso. Fai causa a tutti. Prendi le loro case, le loro auto. Non permettere a nessuno di oltrepassare quella linea.

"L'industria musicale era addormentata al volante e non aveva le palle per citare in giudizio ogni studente universitario dal viso fresco e lentigginoso che ha scaricato materiale. E così ora ci ritroviamo con centinaia di migliaia di persone senza lavoro. C'è nessuna industria".

Ahia. Puoi quasi sentire Anonymous girare intorno ai suoi missili DDoS (illegali). E, abbastanza sicuro, poco più di 24 ore dopo il marchio online di Simmons è stato eliminato da Internet.

Attacco anonimo Gene Simmons

(Anche se dobbiamo sottolineare che Simmons ha forse dimenticato gli sforzi fatti dai Metallica, per esempio, che nel 2000 nominarono 300.000 utenti di Napster e li fecero espellere dal sistema. Dr Dre ha fatto lo stesso. Dormi al volante? Difficile. È solo il rovescio della medaglia del vantaggio che l'essere grandi portava - dove le case discografiche potevano produrre qualcosa a molte persone contemporaneamente. Quando dovevano inseguire le persone, il loro problema diventava molto più grande.)

Come giustamente fa notare Slyck, il rocker dalla lingua sciolta è l'ultimo obiettivo di un gruppo che annovera la Motion Picture Association of America, la Recording Industry Association of America, la Copyright Alliance, il Ministry of Sound, gli studi legali DG Legal, ACS:Law e Il galante Macmillan tra le vittime recenti. Quest'ultimo, curiosamente, sembra essere stato troppo forte per bussare offline.

C'è, ovviamente, una voce spesso trascurata nell'industria musicale che Rich Huxley ha sottolineato.

Huxley, come molto probabilmente con altri artisti che aprono nuove forme di distribuzione, afferma: "Non c'è mai stato un momento migliore per essere un musicista intraprendente", aggiungendo: "Faccio parte delle industrie musicali e voglio una rappresentanza".

Il suo punto: "Non c'è modo di interrompere la condivisione e non dovremmo sforzarci di farlo. Il fatto che avvenga su Internet significa solo che in qualche modo è rintracciabile e identificabile.

"È inutile e impossibile far rispettare le leggi anti-condivisione poiché è sempre stato il caso in cui l'umanità trova un altro modo. Se la condivisione di musica online diventa illegale, le persone torneranno alla condivisione di DVD/hard disk o troveranno modi non rintracciabili per continuare a condividere. Forse scambieremo di nuovo i CD con i nostri amici? Forse prenderemo in prestito dalle biblioteche. Dare la colpa a Internet è dare la colpa al mezzo. Per citare Steve Lawson "È come incolpare Microsoft Excel di frode fiscale".


Gene Simmons riceve il bacio della morte dal famigerato forum web

Mai uno che si morda la lingua (spiacente), il volto pubblico dei Kiss, il suo bassista Gene Simmons, è diventato l'ultimo obiettivo degli assidui aggressori online, Anonymous.

Due dei siti web ufficiali di Simmons, SimmonsRecords.com e GeneSimmons.com, sono stati colpiti dal gruppo di attivisti come apparente rappresaglia per aver insistito sul fatto che i musicisti dovrebbero essere molto più aggressivi nella ricerca di file sharing illeciti. Il gruppo Anonymous, legato ombelicalmente all'influente forum online 4Chan, nelle ultime settimane ha messo offline diversi siti web collegati a organismi di protezione del diritto d'autore.

I commenti offensivi sono stati fatti da Simmons in un panel sulla creazione di un marchio di intrattenimento di successo. Martedì ha detto: "Assicurati che il tuo marchio sia protetto. Assicurati che non ci siano incursioni. Sii litigioso. Fai causa a tutti. Prendi le loro case, le loro auto. Non permettere a nessuno di oltrepassare quella linea.

"L'industria musicale era addormentata al volante e non aveva le palle per citare in giudizio ogni studente universitario dal viso fresco e lentigginoso che ha scaricato materiale. E così ora ci ritroviamo con centinaia di migliaia di persone senza lavoro. C'è nessuna industria".

Ahia. Puoi quasi sentire Anonymous girare intorno ai loro missili DDoS (illegali). E, in effetti, poco più di 24 ore dopo il marchio online di Simmons è stato eliminato da Internet.

Attacco anonimo Gene Simmons

(Anche se dobbiamo sottolineare che Simmons ha forse dimenticato gli sforzi fatti dai Metallica, per esempio, che nel 2000 nominarono 300.000 utenti di Napster e li fecero espellere dal sistema. Dr Dre ha fatto lo stesso. Dormi al volante? Difficile. È solo il rovescio della medaglia del vantaggio che l'essere grandi portava - dove le case discografiche potevano produrre qualcosa a molte persone contemporaneamente. Quando dovevano inseguire le persone, il loro problema diventava molto più grande.)

Come giustamente fa notare Slyck, il rocker dalla lingua sciolta è l'ultimo obiettivo di un gruppo che annovera la Motion Picture Association of America, la Recording Industry Association of America, la Copyright Alliance, il Ministry of Sound, gli studi legali DG Legal, ACS:Law e Il galante Macmillan tra le vittime recenti. Quest'ultimo, curiosamente, sembra essere stato troppo forte per bussare offline.

C'è, ovviamente, una voce spesso trascurata nell'industria musicale che Rich Huxley ha sottolineato.

Huxley, come molto probabilmente con altri artisti che aprono nuove forme di distribuzione, afferma: "Non c'è mai stato un momento migliore per essere un musicista intraprendente", aggiungendo: "Faccio parte delle industrie musicali e voglio una rappresentanza".

Il suo punto: "Non c'è modo di interrompere la condivisione e non dovremmo sforzarci di farlo. Il fatto che avvenga su Internet significa solo che in qualche modo è rintracciabile e identificabile.

"È inutile e impossibile far rispettare le leggi anti-condivisione poiché è sempre stato il caso in cui l'umanità trova un altro modo. Se la condivisione di musica online diventa illegale, le persone torneranno alla condivisione di DVD/hard disk o troveranno modi non rintracciabili per continuare a condividere. Forse scambieremo di nuovo i CD con i nostri amici? Forse prenderemo in prestito dalle biblioteche. Dare la colpa a Internet è dare la colpa al mezzo. Per citare Steve Lawson "È come incolpare Microsoft Excel di frode fiscale".


Gene Simmons riceve il bacio della morte dal famigerato forum web

Mai uno che si morda la lingua (spiacente), il volto pubblico dei Kiss, il suo bassista Gene Simmons, è diventato l'ultimo obiettivo degli assidui aggressori online, Anonymous.

Due dei siti web ufficiali di Simmons, SimmonsRecords.com e GeneSimmons.com, sono stati colpiti dal gruppo di attivisti come apparente rappresaglia per aver insistito sul fatto che i musicisti dovrebbero essere molto più aggressivi nella ricerca di file sharing illeciti. Il gruppo Anonymous, legato ombelicalmente all'influente forum online 4Chan, nelle ultime settimane ha messo offline diversi siti web collegati a organismi di protezione del diritto d'autore.

I commenti offensivi sono stati fatti da Simmons in un panel sulla creazione di un marchio di intrattenimento di successo. Martedì ha detto: "Assicurati che il tuo marchio sia protetto. Assicurati che non ci siano incursioni. Sii litigioso. Fai causa a tutti. Prendi le loro case, le loro auto. Non permettere a nessuno di oltrepassare quella linea.

"L'industria musicale era addormentata al volante e non aveva le palle per citare in giudizio ogni studente universitario dal viso fresco e lentigginoso che ha scaricato materiale. E così ora ci ritroviamo con centinaia di migliaia di persone senza lavoro. C'è nessuna industria".

Ahia. Puoi quasi sentire Anonymous girare intorno ai loro missili DDoS (illegali). E, in effetti, poco più di 24 ore dopo il marchio online di Simmons è stato eliminato da Internet.

Attacco anonimo Gene Simmons

(Anche se dobbiamo sottolineare che Simmons ha forse dimenticato gli sforzi fatti dai Metallica, per esempio, che nel 2000 nominarono 300.000 utenti di Napster e li fecero espellere dal sistema. Dr Dre ha fatto lo stesso. Dormi al volante? Difficile. È solo il rovescio della medaglia del vantaggio che l'essere grandi portava - dove le case discografiche potevano produrre qualcosa a molte persone contemporaneamente. Quando dovevano inseguire le persone, il loro problema diventava molto più grande.)

Come giustamente fa notare Slyck, il rocker dalla lingua sciolta è l'ultimo obiettivo di un gruppo che annovera la Motion Picture Association of America, la Recording Industry Association of America, la Copyright Alliance, il Ministry of Sound, gli studi legali DG Legal, ACS:Law e Il galante Macmillan tra le vittime recenti. Quest'ultimo, curiosamente, sembra essere stato troppo forte per bussare offline.

C'è, ovviamente, una voce spesso trascurata nell'industria musicale che Rich Huxley ha sottolineato.

Huxley, come molto probabilmente con altri artisti che aprono nuove forme di distribuzione, afferma: "Non c'è mai stato un momento migliore per essere un musicista intraprendente", aggiungendo: "Faccio parte delle industrie musicali e voglio una rappresentanza".

His point: "There's no way to stop sharing and we shouldn't be striving to do so. That it takes place on the internet just means that in some ways it's track-able and identifiable.

"It's useless and impossible to enforce anti-sharing laws as it's always been the case that humankind finds another way. If sharing music online becomes illegal then people will revert to DVD/hard-drive sharing or find untraceable ways of continuing to to share. Maybe we'll swap CDs with our friends again? Maybe we'll borrow from libraries. To blame the internet is to blame the medium. To quote Steve Lawson 'It's like blaming Microsoft Excel for tax fraud'."


Gene Simmons gets kiss of death from notorious web forum

Never one to bite his tongue (spiacente), the public face of Kiss, its bassist Gene Simmons, has become the latest target of assiduous online attackers, Anonymous.

Two of Simmons' official websites, SimmonsRecords.com and GeneSimmons.com, have been hit by the group of activists as an apparent reprisal for insisting that musicians should be far more aggressive in the pursuit of illicit filesharers. The Anonymous group, linked umbilically to influential online forum 4Chan, have forced several websites linked to copyright-protection bodies offline in recent weeks.

The offending comments were made by Simmons on a panel about building a successful entertainment brand. He said on Tuesday: "Make sure your brand is protected. Make sure there are no incursions. Be litigious. Sue everybody. Take their homes, their cars. Don't let anybody cross that line.

"The music industry was asleep at the wheel, and didn't have the balls to sue every fresh-faced, freckle-faced college kid who downloaded material. And so now we're left with hundreds of thousands of people without jobs. There's no industry."

Ahia. You can almost hear Anonymous wheeling around their (illegal) DDoS missiles. And, sure enough, little more than 24 hours later Simmons' online brand has been knocked off the internet.

Anonymous attack Gene Simmons

(Though we have to point out that Simmons has perhaps forgotten about the efforts made by Metallica, for example, which named 300,000 users of Napster back in 2000 and got them kicked off the system. Dr Dre did the same. Asleep at the wheel? Hardly. It's just the flipside of the benefit that being big brought - where the record companies could output something to lots of people at once. When they had to chase individuals, their problem became much bigger.)

As Slyck rightly points out, the loose-tongued rocker is the latest target of a group which counts the Motion Picture Association of America, Recording Industry Association of America, Copyright Alliance, Ministry of Sound, solicitors' firms DG Legal, ACS:Law and Gallant Macmillan among recent victims. The latter, interestingly, appears to have been too strong to knock offline.

There is, of course, an oft-overlooked voice in the music industry that Rich Huxley pointed out.

Huxley, as is most likely with other artists paving new forms of distribution, says: "There has never been a better time to be an enterprising musician," adding: "I am part of the music industries and I want representation."

His point: "There's no way to stop sharing and we shouldn't be striving to do so. That it takes place on the internet just means that in some ways it's track-able and identifiable.

"It's useless and impossible to enforce anti-sharing laws as it's always been the case that humankind finds another way. If sharing music online becomes illegal then people will revert to DVD/hard-drive sharing or find untraceable ways of continuing to to share. Maybe we'll swap CDs with our friends again? Maybe we'll borrow from libraries. To blame the internet is to blame the medium. To quote Steve Lawson 'It's like blaming Microsoft Excel for tax fraud'."


Gene Simmons gets kiss of death from notorious web forum

Never one to bite his tongue (spiacente), the public face of Kiss, its bassist Gene Simmons, has become the latest target of assiduous online attackers, Anonymous.

Two of Simmons' official websites, SimmonsRecords.com and GeneSimmons.com, have been hit by the group of activists as an apparent reprisal for insisting that musicians should be far more aggressive in the pursuit of illicit filesharers. The Anonymous group, linked umbilically to influential online forum 4Chan, have forced several websites linked to copyright-protection bodies offline in recent weeks.

The offending comments were made by Simmons on a panel about building a successful entertainment brand. He said on Tuesday: "Make sure your brand is protected. Make sure there are no incursions. Be litigious. Sue everybody. Take their homes, their cars. Don't let anybody cross that line.

"The music industry was asleep at the wheel, and didn't have the balls to sue every fresh-faced, freckle-faced college kid who downloaded material. And so now we're left with hundreds of thousands of people without jobs. There's no industry."

Ahia. You can almost hear Anonymous wheeling around their (illegal) DDoS missiles. And, sure enough, little more than 24 hours later Simmons' online brand has been knocked off the internet.

Anonymous attack Gene Simmons

(Though we have to point out that Simmons has perhaps forgotten about the efforts made by Metallica, for example, which named 300,000 users of Napster back in 2000 and got them kicked off the system. Dr Dre did the same. Asleep at the wheel? Hardly. It's just the flipside of the benefit that being big brought - where the record companies could output something to lots of people at once. When they had to chase individuals, their problem became much bigger.)

As Slyck rightly points out, the loose-tongued rocker is the latest target of a group which counts the Motion Picture Association of America, Recording Industry Association of America, Copyright Alliance, Ministry of Sound, solicitors' firms DG Legal, ACS:Law and Gallant Macmillan among recent victims. The latter, interestingly, appears to have been too strong to knock offline.

There is, of course, an oft-overlooked voice in the music industry that Rich Huxley pointed out.

Huxley, as is most likely with other artists paving new forms of distribution, says: "There has never been a better time to be an enterprising musician," adding: "I am part of the music industries and I want representation."

His point: "There's no way to stop sharing and we shouldn't be striving to do so. That it takes place on the internet just means that in some ways it's track-able and identifiable.

"It's useless and impossible to enforce anti-sharing laws as it's always been the case that humankind finds another way. If sharing music online becomes illegal then people will revert to DVD/hard-drive sharing or find untraceable ways of continuing to to share. Maybe we'll swap CDs with our friends again? Maybe we'll borrow from libraries. To blame the internet is to blame the medium. To quote Steve Lawson 'It's like blaming Microsoft Excel for tax fraud'."


Guarda il video: Gene Simmons - Calling Dr Love @ 013 Tilburg - 19 - 07 - 2018


Commenti:

  1. Malazshura

    la frase notevole ed è tempestiva

  2. Fonzo

    Secondo me l'argomento è molto interessante. Ti offro di discuterne qui o in PM.

  3. Marston

    A mio parere, hanno torto. Propongo di discuterne. Scrivimi in PM, parla.

  4. Vanderveer

    Assolutamente con te d'accordo. Penso, qual è l'idea eccellente.

  5. Asad

    Certo, a proposito, avrà un'idea meravigliosa

  6. Sharr

    Scusa, il messaggio è stato rimosso

  7. Nemuro

    la discussione infinita :)



Scrivi un messaggio